Il paese portatile
di Natalino Piras
Personaggi che hanno segnato la vita dei nostri paesi, figure di spicco o gente ai margini, irregolari e inclassificabili, donne e uomini di cui restituire la memoria ritratti dalla penna impastata di bittese del nostro Natalino Piras.
1924, i giornali non dicono che la bomba era un residuato bellico. Qualcuno, tornato dalla Grande Guerra, l’aveva abbandonata, per disfarsene, a Badde Longa.
di Natalino Piras
Per una antropologia dell’olio/3. I segni della sacralità che ci appartengono
di Natalino Piras
Per una antropologia dell'olio/2
di Natalino Piras
Antropologia dell’olio, tra storia e letteratura
di Natalino Piras
Bittese, visse al tempo delle nostre guerre civili per la proprietà delle terre tra fine Settecento e metà Ottocento
di Natalino Piras
Il cavaliere della fame ancora imperversa, ad ogni latitudine
di Natalino Piras
Figura di spicco del sardismo e dell’antifascismo in tempi bui e terribili
di Natalino Piras
Peppe Pilosu, vagabondo conosciuto dalla Barbagia alla Baronia e al Goceano da dove proveniva
di Natalino Piras
Ritratto di don Giorgio Pala, bittese, una vita segnata dalla malattia
di Natalino Piras
Don Saverio Depalmas fu provicario a Loculi, parroco a Onanì e poi storico parroco di Gorofai
di Natalino Piras
Il ricordo del sacerdote di Gavoi a 40 anni dalla sua morte
di Natalino Piras
Parole, suoni, segni e tonalità che variano dal grigio scuro al rossastro
di Natalino Piras
Altre rubriche
Il paese portatile
di Natalino Piras
Il Fortunio descritto con disprezzo in Cosima, “piccolo, triste e meschino poeta”
Così lontani... così vicini
di V A Liceo Classico
“Come scrittore e poeta io suppongo sempre avanti a me un pubblico di fanciulli e fanciulle, e questa...
Il paese portatile
di Natalino Piras
È un itinerario di espiazione quello narrato dalla Deledda in Canne al Vento
Condividi
Titolo del podcast in esecuzione
-:--
-:--