Moby Prince, trent’anni in rotta verso la verità

10 aprile 1991: nella rada del porto di Livorno alle 22.25 il traghetto passeggeri “Moby Prince” della compagnia Navarma appena partito con direzione Olbia e la petroliera Agip Abruzzo all’ancora nella rada del porto entrano in collisione. La prua del traghetto squarcia una delle cisterne del greggio trasportato e si scatena un incendio.
Nonostante la vicinanza al Porto l’incendio fuori controllo provoca ingenti danni sia alla petroliera che al traghetto.
Tutte e 30 le persone di equipaggio a bordo della petroliera non riportano danni fisici.
Tragico è il bilancio sul traghetto Moby Prince: delle 141 persone a bordo, 65 membri dell’equipaggio e 76 passeggeri vi è un solo superstite.
Nel più grave incidente della marineria italiana muoiono 140 persone.
Sono passati trent’anni, due sentenze, una inchiesta bis, una Commissione parlamentare d’inchiesta ma i familiari delle vittime non hanno ancora avuto risposte, nè giustizia.

In occasione di questo importante anniversario riproponiamo gli articoli apparsi sul nostro settimanale.

© riproduzione riservata