Lula, la festa di San Francesco

Anche alla conclusione di questo 2021, più tranquilla ma sempre in allerta dal punto di vista dell’emergenza sanitaria dovuta al Covid-19, tornano la festa e le celebrazioni in onore di San Francesco d’Assisi. Infatti, mentre il vescovo Antonello sarà impegnato in terra Umbra per il grande pellegrinaggio che parte dalla Sardegna per il dono dell’olio per la lampada che arde sulla tomba del Poverello, anche nel santuario incastonato nelle campagne di Lula avrà luogo la festa dei nuoresi con il Triduo del mese di ottobre. E così fede e tradizione si abbracciano ancora una volta e trovano sbocco nel programma stilato dal priorato guidato da Francesco Loi e Chiara Crasta e dal cappellano don Totoni Cosseddu. Nei giorni 1 e 2 ottobre la Messa sarà celebrata alle ore 17 mentre nella notte tra il 2 e il 3, con partenza alle 23 dalla chiesa di Nostra Signora del Rosario a Nuoro, torna il pellegrinaggio dei pedoni lungo il percorso che porta dallo storico quartiere di Santu Predu al Santuario di Lula. Il 3 ottobre tre appuntamenti religiosi con le celebrazioni liturgiche fissate alle 7.30, alle 11 e alle 17.
Il quattro ottobre è il giorno della festa di San Francesco: nel corso della giornata, le Messe saranno celebrate alle 9.30, Messa solenne alle ore 11, ultima celebrazione della giornata alle 17. «Sono speranzoso verso un ritorno alla normalità anche se è doveroso prestare ancora la massima attenzione rispetto all’emergenza sanitaria che non si è ancora conclusa – commenta don Totoni Cosseddu –.
Ci affidiamo a San Francesco affinché come sempre protegga l’operato di tutti». Così i priori Francesco Loi e Chiara Crasta: «Aspettiamo tutti coloro i quali verranno al santuario nei giorni del triduo – dicono – raccomandando a tutti il rispetto delle norme igienico sanitarie».

© riproduzione riservata