Verso il V Festival della legalità

Avrà inizio domenica 15 e si concluderà sabato 21 aprile a Macomer la quinta edizione del festival dal titolo “Conta e Cammina – La legalità appartiene al tuo sorriso”.
A pochi giorni dall’apertura delle iscrizioni alle scuole, gli organizzatori hanno già registrato un tutto esaurito che conferma l’importanza, anche a livello nazionale, dell’evento. Gli obiettivi posti dagli incontri, gli spettacoli, le proiezioni, i laboratori interattivi e la presentazione di libri che coinvolgeranno centinaia di giovani e adulti provenienti da tutta l’Isola, compresi gli studenti delle scuole di ogni ordine e grado, sono volti allo sviluppo di un lavoro di squadra che verterà sui temi scottanti della mafia, della corruzione che la alimenta, del caporalato, della violenza in tutte le sue drammatiche declinazioni e del rispetto della Costituzione italiana.
La sensibilizzazione delle nuove generazioni nei confronti delle tematiche prese in esame si propone di sviluppare, mediante un’assunzione di responsabilità morale e pratica, una nuova società fondata sul rispetto reciproco nelle differenze, sulla libertà di pensiero ed espressione, sulla giustizia oltre il mero legalitarismo, l’integrazione e la collaborazione.
I due appuntamenti già programmati, in attesa della definizione compiuta del programma dell’evento, sono previsti per il giorno di apertura del festival: si tratta dell’incontro con Nando Dalla Chiesa, figlio del noto generale Carlo Alberto, ucciso in un attentato della malavita organizzata, e dello spettacolo teatrale Mafie, maschere e cornuti del giornalista Giulio Cavalli, che sarà portato in scena presso il padiglione Filigosa delle caserme Mura.
Quest’ultimo, rappresentazione di “antiracket culturale” secondo le parole dello stesso autore, racconta la comicità di una mafia che, se svelata, non può più fare paura in quanto, come tutti i fenomeni terribilmente seri, presta il fianco anche alla pubblica derisione come insegnava, in tempi ancora non sospetti, un altro giovane martire della criminalità organizzata, ovvero Peppino Impastato.
Giulio Cavalli, avvalendosi delle sue doti recitative e dei suoi studi sulle mafie, con un occhio particolare ai casi Andreotti e Dell’Utri, parte dalla lezione dei giullari cinquecenteschi per ripercorrere le recenti operazioni antimafia allo scopo di farci comprendere come il potere, quando si mostra incapace di governare rispettando per primo le regole, tema la parola della satira perché necessita di nascondere le proprie impudicizie.
La 5^ edizione del Festival della Legalità vedrà anche la presentazione del libro di Nando Dalla Chiesa, dal titolo Per fortuna faccio il prof: un inno controcorrente che, andando oltre la denuncia dei mali endemici degli atenei, li descrive invece come luogo di bellezza, cultura, servizio e libertà.
Il professor Dalla Chiesa, ordinario di Sociologia della criminalità organizzata presso la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Milano, dirigente dell’Osservatorio sulla criminalità organizzata e Presidente onorario dell’Associazione Libera, racconterà al pubblico la meraviglia dell’incontro con le giovani generazioni, la fortuna di coadiuvarli nella ricerca del senso della vita e dell’impegno sociale, l’importanza di rendere civile una cultura scientifica in maniera tale da farla propagare in percorsi collettivi.
L’ingresso ai due eventi di apertura del Festival è libero e gratuito: i lavori saranno coordinati da Pino Tilocca.
“Conta e Cammina – La legalità appartiene al tuo sorriso” è patrocinato dal Comune di Macomer e realizzato dal Centro Servizi Culturali dell’Unla e dalla Cooperativa Progetto H del centro del Marghine, in collaborazione con la Libreria Emmepi, la cooperativa Luoghi Comuni, le associazioni “Nino Carrus”, Antimafia “Peppino Impastato” di Tempio, il Forum Giovani macomerese, la Confcooperative Nuoro Ogliastra ed il contributo di Liberos, del Festival Entula e del Teatro di Sardegna.

© riproduzione riservata

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn