Vaccini in Sardegna, Pigliaru contro le deroghe

«NON È UNA SCELTA PRIVATA, NON FARLO METTE A RISCHIO GLI ALTRI».
(DIRE) Cagliari, 6 ago. – «Siamo contro ogni deroga, per un motivo molto semplice: la scelta di vaccinare una persona non è una scelta privata. Ogni vaccino non fatto per scelta di una famiglia, mette a rischio altre persone. L’obbligo è di interesse pubblico, perché chi vaccina deve essere sicuro che anche gli altri lo facciano, altrimenti non ci può essere nessuna efficacia per combattere le malattie». Così il presidente della Regione Francesco Pigliaru, a margine della riunione dell’osservatorio del piano straordinario per il lavoro varato dall’esecutivo, riunitosi questa mattina a Villa Devoto. Il governatore sardo, intervenuto anche ieri su Facebook contro lo slittamento dell’obbligo per la presentazione dei certificati di vaccinazione nelle scuole, ribadisce la posizione della Regione: «Qualcuno sta facendo discorsi inaccettabili dal punto di vita del diritto alla salute, c’è un rischio di diffusione delle malattie – spiega Pigliaru – Se ci saranno gli spazi, la Sardegna porterà avanti quella che a nostro avviso è una battaglia di civiltà, non di principio, ma molto concreta. Ci sono allarmi importanti per la ripartenza di alcune malattie in Italia, non c’è niente di ideologico. Si tratta di mettere in sicurezza la salute, dei bambini in particolare». (Api/ Dire) 13:26 06-08-18 NNNN
Nota: ieri a difendere le vaccinazioni obbligatorie era stato l’assessore regionale alla Sanità Luigi Arru (https://www.ortobene.net/arru-mantenere-obbligatorieta-vaccini/)