Nuoro, universitari a Bruxelles

Viaggio di studio a Bruxelles per gli studenti del polo universitario di Nuoro che hanno preso parte, al Laboratorio giuridico in materia di tutela europea dei diritti umani fondamentali (2016) e alle due edizioni della Summer School “The Future of Human Rights in Europe”, organizzati da UniNuoro e dell’Università di Sassari. La Summer School, tenutasi quattro mesi fa a Nuoro, rappresenta ormai un evento di respiro internazionale in Sardegna sul tema di grandissima attualità quale il futuro dei diritti umani in Europa connumerose iscrizioni provenienti dall’estero (Congo, Francia, Belgio, Germania, Iran e Svezia), oltre che da altre regioni italiane. «Sosteniamo fortemente queste iniziative – sostiene il commissario del Consorzio universitario  Fabrizio Mureddu – nella convinzione che il nostro territorio possa proporre un’offerta rilevante sul piano didattico, contribuendo così attivamente ad una formazione più consapevole del concetto di cittadinanza europea». Proprio nella direzione di formare «moderni giuristi europei», si colloca il  viaggio d’istruzione a Bruxelles che ha consentito ai partecipanti di entrare in contatto con le principali Istituzioni  europee (Commissione, Consiglio e Parlamento). La delegazione, accompagnata dalla professoressa Gabriella Ferranti e Cristina Carta e dal Commissario di del Consorzio Universitario UniNuoro Fabrizio Mureddu,  è stata ricevuta da alti funzionari delle istituzioni presso le quali si sono tenuti incontri tematici e tavoli di lavoro attraverso la partecipazione attiva di docenti e studenti. Molto significativa la sessione tenutasi presso la sede di rappresentanza della Regione Sardegna all’ottavo piano di Shuman 14 fronte sede della Commissione Europe. Grazie all’assessore regionale Filippo Spanu la delegazione in un incontro,  curato dal Massimiliano Cambuli, funzionario regionale responsabile dell’ufficio di Bruxelles, in cui sono state prospettate agli studenti numerose possibilità ed occasioni di contatto con le istituzioni attraverso il canale privilegiato dell’ufficio regionale.La visita a Bruxelles ha consentito inoltre di instaurare ulteriori contatti istituzionali e rafforzare il corpo docente della Summer School nonché di prevedere la possibilità di svolgimento di parte delle attività formative all’estero. Sarà predisposto -informa  UniNuoro- un dossier di candidatura presso il Parlamento europeo che ogni anno dedica un evento al tema dei diritti umani in cui le esperienze più significative ricevono una menzione.

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn