Un orunese alla Pontificia Accademia di Teologia

Prestigioso incarico per monsignor Ignazio Sanna, l’arcivescovo di Oristano originario di Orune dove è nato nel 1942 e ordinato presbitero l’11 marzo del 1967, è stato nominato da papa Francesco  presidente della Pontificia Accademia di Teologia. Attualmente monsignor Sanna, è amministratore apostolico della diocesi di Oristano che, dimissionario per raggiunti limiti di età, lascerà definitivamente il 30 giugno dopo 13 anni quasi esatti: eletto il 22 aprile del 2006, era salito sulla cattedra arborense il 25 giugno dello stesso anno. Con la nomina del Papa torna ai suoi studi teologici a Roma. Segretario di Nunziatura a Quito (Ecuador) nel 1972, monsignor Sanna dal 1973 per dieci anni è stato tra l’altro a Roma assistente diocesano FUCI e fino al 2000 ssistente nazionale del settore giovani di Azione cattolica, componente del Consiglio Presbiterale di Roma dal 2000 al 2006, assistente nazionale del Movimento Ecclesiale di Impegm Culturale (MEIC) dal 1975 al 2006 è stato ordinario di Antropologia Teologica alla Pontificia Università Lateranense, dove ha ricoperto anche gli incarichi di decano della Facoltà di Teologia, pro-rettore dal 1998 al 2006 e dal 2004 al 2006 è stato membro ordinario della Commissione Teologica Internazionale.

Conclusa la sua missione pastorale nell’arcidiocesi di Oristano, monsignor Ignazio Sanna assume la presidenza della Pontificia Accademia di Teologia di cui è membro ordinario dal Duemila che ricevette i suoi primi Statuti da Clemente XI, nel 1718. Fu fondata a Roma come sede delle discipline sacre e nutrice degli spiriti nobili, in modo che quasi come da una sorgente scaturissero frutti abbondanti per la causa cattolica. Creata come sede delle Scienze sacre al fine di formare dei teologi ben preparati, l’Accademia ha la missione di promuovere il dialogo fra la fede e la ragione nonché l’approfondimento della dottrina cristiana seguendo le indicazioni del Santo Padre, che ha identificato i compiti attuali per la teologia nei numeri 92-99 dell’Enciclica Fides et Ratio, per presentare il messaggio cristiano in modo che corrisponda alle esigenze del nostro tempo.

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn