Un biglietto condiviso per i musei del Nuorese

Venerdì 6 luglio alle ore 12, presso la suggestiva cornice del Museo del Costume di Nuoro, i rappresentanti dei musei e dei presidi culturali del Distretto Culturale Atene delle Sardegna presenteranno la Mappa dei Luoghi della Cultura.
L’iniziativa del Tavolo dei Musei è realizzata dall’Associazione Distretto Culturale del Nuorese Atene della Sardegna, con il contributo della Fondazione di Sardegna e della Camera di Commercio di Nuoro: alla presentazione dell’importante iniziativa presenzieranno i rappresentanti del suddetto Tavolo, il presidente della Camera di Commercio nuorese e dell’Associazione Distretto Culturale del Nuorese Atene della Sardegna Agostino Cicalò, il presidente dell’Istituto Superiore Regionale Etnografico Giuseppe Matteo Pirisi e l’Assessore Regionale al Turismo, Artigianato e Commercio Barbara Argiolas.
Per la prima volta i musei, i siti archeologici e i presidi culturali del nuorese, riuniti insieme nel Tavolo di lavoro dei Musei del Distretto Culturale del Nuorese Atene della Sardegna, daranno vita ad un sistema di bigliettazione condiviso.
Dal 15 giugno al 30 settembre 2018 sarà dunque possibile visitare i musei, i siti archeologici ed i luoghi della cultura del distretto usufruendo di una speciale scontistica.
Per poter partecipare all’iniziativa, sarà sufficiente ritirare la Mappa attraverso la quale individuare i paesi facenti parte del distretto e visitare i musei ed i presidi culturali aderenti, consegnare i coupon ed ottenere gli sconti dedicati, il tutto presso i musei aderenti e gli uffici di informazioni turistiche della Sardegna, così come presso i complessi ricettivi quali gli hotel ed i ristoranti, i porti e gli aeroporti.
Sono 19 le strutture che proporranno un’ampia e variegata offerta culturale del territorio a prezzi ridotti, in quanto tutti i musei facenti parte dell’Atene Sarda partecipano all’iniziativa.
Sarà così possibile, tanto per i sardi quanto per i turisti, scoprire i luoghi che ancora oggi conservano e raccontano la memoria della nostra terra, tra i quali il Museo Archeologico Nazionale Giorgio Asproni di Nuoro, o rimanere affascinati dai percorsi espositivi di arte moderna e contemporanea del MAN – Museo d’Arte della Provincia di Nuoro e del Museo Ciusa, che riaprirà prossimamente.
Sarà inoltre possibile visitare, sempre a Nuoro, i musei dell’Istituto Superiore Regionale Etnografico ed il Museo Casa natale di Grazia Deledda, dedicato al Premio Nobel per la Letteratura, ed effettuare un viaggio tra le tradizioni, i colori ed i costumi dei paesi dell’entroterra tra i curati ambienti del Museo del Costume.
La mappa turistica dei luoghi della cultura rappresenta proprio lo strumento adatto per scoprire, tappa dopo tappa, il ricco patrimonio storico, culturale ed artistico del nuorese; tra gli altri siti visitabili si annoverano, a Bitti,  il Complesso Nuragico di Romanzesu, il Museo della Civiltà Contadina e Pastorale ed il Museo Multimediale del Canto a Tenore.
A Mamoiada, sarà possibile scoprire il Museo della Cultura e del Lavoro, il Museo MATER e quello delle Maschere Mediterranee; ad Orani, invece, si potrà visitare il Museo Nivola, incentrato sulla vita e le opere moderniste dell’artista e, a Dorgali, l’Area Archeologica di Tiscali, il Museo Archeologico cittadino, il Parco Museo S’Abba Frisca, il Villaggio Nuraghe Mannu ed il Villaggio Serra Orrios.
Si potranno ammirare anche la tipicità ed il rispetto dell’ambiente per le oltre trecento specie dell’Acquario di Cala Gonone e, a Tiana, il Museo di Archeologia Industriale Le Vie dell’Acqua.

© riproduzione riservata