Tempo scaduto anche per gli equilibri di bilancio

Se “notizia scaccia notizia”, secondo un’elementare regola del giornalismo, ieri sera in Consiglio comunale a Nuoro è evaporata nel giro di pochi minuti la soddisfazione espressa dal sindaco Andrea Soddu nel dare notizia che i revisori dei conti avevano appena depositato il parere favorevole sull’accertamento dei residui attivi e passivi. Subito dopo, infatti, il presidente del Consiglio Fabrizio Beccu ha certificato l’impossibilità di procedere all’esame del primo punto all’ordine del giorno sugli equilibri di bilancio che per legge dovevano essere approvati entro oggi, 31 luglio. Niente votazione – come largamente previsto (https://www.ortobene.net/piano-protezione-civile-lemergenza-acqua-potabile/) – perché gli stessi revisori dei conti non hanno depositato il parere. Ennesima scadenza non rispettata quindi : cosa farà ora la Regione che già ha nominato commissario ad acta per predisporre il bilancio consuntivo 2018? La risposta resta per aria anche se è chiaro che senza il rendiconto dello scorso anno non si può certificare la salute del bilancio di quest’anno. Lo scontro sui documenti contabili è solo rimandato con la maggioranza appesa al voto di Paolo Manca che anche ieri si è dimostrato sempre più lontano dalla coalizione al governo.

Se la Giunta ha dovuto registrare l’ennesima battuta d’arresto, a incassare un successo politico ieri è stato il consigliere di minoranza Paolo Fadda che seppure la sua mozione (https://www.ortobene.net/piano-protezione-civile-lemergenza-acqua-potabile/) sulle ripetute emergenze nella fornitura di acqua potabile non è stata messa ai voti per questioni regolamentari, ha strappato l’impegno del sindaco  a tenere conto delle proposte per gli interventi su informazione e soccorso a anziani e malati in difficoltà e autobotti per alleviare i disagi anche per gli esercenti pubblici. Proposte che – ha garantito Soddu – saranno inserite in un apposito paragrafo del piano comunale di Protezione civile già in fase di revisione. La maggioranza comunque ha portato  casa la riduzione degli oneri comunali che deve pagare che intende investire nella zona industriale di Pratosardo: taglio del 70% degli oneri di urbanizzazione primaria e secondaria e dimezzamento al 5% della percentuale del costo documentato di costruzione (clicca qui per consultare la delibera). A illustrare la proposta della Giunta è toccato all’assessore all’Urbanistica Gianni Dettori, stranamente silenziosa l’assessora Eleonora Angheleddu che pure è da mesi impegnata nella predisposizione del cosiddetto “Pacchetto Pratosardo” di cui il taglio degli oneri di concessione fa parte insieme alla decisiva partita del passaggio della zona industriale al Comune.

In chiusura di seduta sono state approvate due mozioni presentate dal gruppo Psd’Az sull’istituzione dell’Agenzia per il superamento del disagio giovanile e del Forum nuoresi nel mondo,  che  ha tra l’altro registrato  un duro scambio di battute tra (ex?) alleati come il vicesindaco Sebastian Cocco e Paolo Manca, mentre l’assessora Valeria Romagna, rispetto all’accusa del Ps’Az sul grave ritardo sull’attuazione di questi punti contenuti nel programma della Giunta Soddu, si è soffermata su una serie di iniziative attuate proprio a favore dei giovani.

In apertura di seduta, tramite le comunicazioni previste dal regolamento sono state sollevate alcune questioni: la precaria situazione dell’Inps (Marilena Roich), il mancato accesso da parte dei Comuni alla piattaforma ministeriale sulle domande del reddito di cittadinanza che si sta riflettendo sulla liquidazione del Reddito d’inclusione regionale (Giovanna Zedde) e lo stato di degrado di via Milano e del quartiere di Badu ‘e carros in generale (Graziano Siotto). I consiglieri Peppe Montesu e Paolo Manca hanno voluto esprimere la loro condanna per gli attentati alla sezione del Pd di Dorgali e al  sindaco di Cardedu, con un richiamo ai gravi danni degli incendi in Ogliastra e Baronia. Analisi condivise e fatte proprio dal sindaco Andrea Soddu che, dopo aver proposto un minuto di silenzio in memoria del carabiniere Mario Cerciello Rega ucciso a Roma, ha ricordato il sindaco di Maracalagonis Mario Fadda stroncato da un infarto.

Il Consiglio, infine, ha voluto salutare il vicesegretario Franco Rosu che da domani andrà ufficialmente in pensione e, per l’assenza del segretario generale, ha dato un’ulteriore senso di responsabilità, rientrando dalle ferie e lavorando praticamente fino all’ultimo giorno partecipando in mattinata alla riunione della giunta e nel pomeriggio alla seduta del Consiglio.