Tampone positivo? Sindaco informato dai parenti

Se a Siniscola la notizia sarà confermata, siamo in presenza dell’ennesimo caso di positività al coronavirus scoperto dai sindaci, che pure è la massima autorità sanitaria del Comune, non dalle fonti ufficiali per poter attivare tutte le misure necessarie ma grazie al senso di responsabilità dei familiari. Questa volta ad avvisare gli amministratori sono stati i parenti di una persona che sarebbe risultato positivo. Al sindaco Gianluigi Farris (nella foto), in attesa della conferma ufficiale non è restato altro da fare che informare comunque la popolazione via Facebook.

Questa falla nel sistema informativo era già stata denunciata ieri dalla sindaca di Fonni Daniela Falconi e rilanciata con una protesta-proposta ufficiale dal presidente dell’Anci Sardegna Emiliano Deiana.

Questo il messaggio del sindaco di Siniscola: «Devo darvi una notizia che non avrei mai voluto sentire, in data odierna mi è stato comunicato, ancora non in via ufficiale, che un nostro concittadino è risultato positivo al Covid-19. Sono stato informato tempestivamente dai familiari, che ringrazio per la collaborazione, e il primo pensiero va a loro. La comunità di Siniscola abbraccia virtualmente tutta la famiglia. Preciso che sono stati informati l’ATS e gli organi competenti, seguiremo tutti l’iter che ci verrà imposto. Le persone che sono entrate in “stretto contatto” con il paziente sono già in quarantena preventiva (volontaria). Ora più che mai la mia raccomandazione è quella di rimanere a casa e di uscire il meno possibile e solo per reali e motivate esigenze. Chiedo alla popolazione molta cautela e discrezione, chi è entrato in contatto con il paziente positivo verrà avvisato, gli altri possono stare tranquilli nelle loro case. Ulteriori informazioni verranno date in tempo reale».

Aggiornamento: Secondo quanto riporta il sito online de L’Unione Sarda (https://www.unionesarda.it/articolo/news-sardegna/nuoro-provincia/2020/03/24/muore-al-san-francesco-di-nuoro-il-tampone-post-mortem-e-positivo-136-1001181.html) il paziente positivo  morto ieri mattina  all’ospedale San Francesco di Nuoro dopo quattro giorni di ricovero non per coronavirus ma per edema polmonare. Il risultato di positività sarebbe arrivato dopo il decesso che comunque non sarebbe stato causato dal Covid-19.b. Comunque a Siniscola per precauzione sono scattate le procedure previste per bloccare i contagi, con i parenti e tutte le persone entrate in contatto col pensionato messi in quarantena volontaria.

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn