Spese per votare: «Adottiamo un fuori sede»
di Michele Tatti

27 Gennaio 2019

2' di lettura

Non nascondiamo una certa sorpresa davanti all’iniziativa di Efisio Arbau, candidato alle elezioni regionali, che ha deciso di rispondere a suo modo e nell’immediato all’appello di Gabriele Sotgia che ha segnalato il problema degli studenti universitari fuori sede che non hanno diritto al rimborso delle spese di viaggio per poter esercitare il diritto al voto alle consultazioni del 24 febbraio (https://www.ortobene.net/regionali-voto-negato-agli-universitari-sede/.). Il sindaco di Ollolai, dopo averci preventivamente informato e ricevuto il nostro consenso, ha postato stamattina nella sua pagina Facebook questo messaggio: «Il problema posto da Gabriele è reale e purtroppo irrisolto. Posso solo impegnarmi a riproporlo, intanto serve un gesto concreto: metto 140 euro a disposizione de L’Ortobene da consegnare a uno studente fuori sede. Ovviamente non voglio sapere a chi andranno. Spero che altri candidati seguano questo esempio». Convinti in ogni caso di rispondere al un’esigenza diffusa e che i candidati possano destinare nel loro budget della campagna elettorale una piccola somma a una “spesa intelligente” adottando uno studente fuori sede, come L’Ortobene sosteniamo volentieri l’iniziativa, aperta ovviamente per par condicio a tutti i candidati, con la dovuta pubblicizzazione e  l’impegno da parte nostra della massima riservatezza: se altri aspiranti consiglieri regionali, vorranno mettere a disposizione una somma per pagare il biglietto aereo a uno studente fuori sede, per garantire in ogni caso la libertà di voto dei singoli e qualsiasi tipo di condizionamento, solo dopo le elezioni, a risultato acquisito, potranno conoscere – se vorranno – il nome del beneficiario. L’eventuale somma sarà da parte nostra erogata a giovani in stretto ordine cronologico delle richieste pervenute da parte degli interessati all’indirizzo di posta elettronica redazione@ortobene.net e dietro presentazione del certificato di frequenza, biglietto aereo e della tessera elettorale che attesta l’esercizio del voto. Resta – ed è questo a interessarci realmente – l’impegno di Arbau e di tutti gli altri a risolvere nella prossima consiliatura con un provvedimento legislativo un problema che finora, nonostante le promesse, impedisce  a tanti giovani sardi che studiano fuori dall’Isola di concorrere alla scelta dei propri amministratori regionali.

Condividi
Titolo del podcast in esecuzione
-:--
-:--