Siniscola, l’Ute riparte dalla nuova sede

«Dopo tanti anni mi assale ancora una grande emozione nel ritrovarmi con tutti voi ad inaugurare il 28esimo anno accademico dell’Università della Terza Età che per tutti noi rappresenta una meravigliosa avventura». Così Antonio Murru presidente dell’UTE di Siniscola, dinanzi ad una sala gremita fino all’inverosimile. L’incontro è avvenuto il 9 novembre presso la sede della Fondazione Farris Tedde voluta da Angelo Farris e inaugurata nel marzo scorso che da quest’anno accoglierà tutti gli incontri settimanali dell’UTE (in precedenza ospitati nell’Auditorium comunale della biblioteca Grazia Deledda) che intende intraprendere con la Fondazione un percorso mirato allo sviluppo del paese e del territorio nel voler condividere momenti di crescita civile, sociale e culturale.
In apertura il presidente ha ricordato le amiche veterane Carla, Mirella e Maria Adelaide oggi scomparse che tanto hanno contribuito alla storia dell’UTE presente sul territorio dal 1994 e che oggi vanta oltre 130 iscritti. Una Associazione aperta al confronto, foriera di valori quali l’amicizia, la condivisione e l’integrazione, aperta al dialogo, allo scambio di esperienze che senza “barriere anagrafiche”veicoli un incessante scambio generazionale di saperi e accolga i meno giovani in quanto risorsa a cui attingere e i giovani fonte di nuovi stimoli. Non scontro ma confronto finalizzato ad un proficuo superamento di egoismi per consegnare ai nostri figli un futuro
migliore. «La conoscenza e lo studio – ha affermato Murru nel suo appassionato discorso – sono il primo antidoto alla cura della banalità del male, come aveva esplicitato la filosofa tedesca Hannah Arendt e questo resta per noi lo scopo e il sogno che da oggi condivideremo con la Fondazione in questo non facile percorso di crescita e di conoscenza ». Antonio Murru ha poi illustrato ai presenti il programma del nuovo anno, ricco e ambizioso ma non per questo non fattibile. Non solo corsi di ceramica, di scrittura, ma anche visite guidate e gemellaggi, escursioni, arte e teatro, incontri con esperti sulle varie branche della conoscenza e ancora momenti ludici per cementare l’amicizia, l’integrazione e la condivisione.
La serata è stata accompagnata dalle esibizioni al piano di Antonella Contu, Stefano Lai e Andrea Manca, giovani allievi della scuola civica di musica intercomunale MeA di Siniscola, Lodè, Torpè, Posada e Bitti.

© riproduzione riservata