«Sindaco supino al cagliaricentrismo della Regione»

Sardisti all’offensiva della Giunta Soddu mentre domani sera il Consiglio comunale di Nuoro dovrà votare la mozione di sfiducia al presidente Fabrizio Beccu in seconda convocazione dopo la seduta fatta saltare per mancanza del numero legale martedì scorso (https://www.ortobene.net/salta-ancora-consiglio-comunale-opposizione-allattacco/) e si attende, sempre entro domani, alla scadenza dei venti giorni l’atteso parere dei revisori dei conti sul conto consuntivo. Gli ex alleati del sindaco hanno indetto per mercoledì 31 ottobre alle 19 nella sala dell’ExMè «un appuntamento attraverso il quale i sardisti e le sardiste nuoresi si ritroveranno, insieme alla cittadinanza, per discutere della situazione politica nuorese attuale e futura e dello stato in cui verte la Città di Nuoro». La nota che annuncia l’iniziativa si apre col titolo definito «imperativo e caratteristico» dato all’appuntamento: “A Nuoro governi Nuoro”: un severo appunto per il sindaco Soddu che lascia intendere che la città sia governata dall’esterno, ma spiegato meglio nella chiusura del documento: «Solo con la più ampia partecipazione popolare al governo della cosa pubblica, la città di Nuoro può riuscire a non soccombere alla crisi che imperversa e a reagire alla debolezza di certa politica nuorese, sempre più prona e supina al cagliaricentrismo della Giunta regionale». Al dibattito pubblico interverranno anche il segretario cittadino del Psd’Az Tonino Bassu, gli ex assessori Antonio Belloi e Giuliano Sanna, unitamente ai consiglieri comunali Claudia Camarda, Viviana Brau e Graziano Siotto. Il dibattito è organizzato dalle due sezioni cittadine del Partito Sardo d’Azione Nuoro.«Alla storica “28 Aprile”, infatti – annuncia il documento – si è aggiunta quest’anno una nuova sezione sardista, costituita da numerosi giovani, particolarmente desiderosi di dare il loro contributo alla causa del Partito». Secondo i dirigenti del Psd’Az quello di mercoledì sarà «un appuntamento attraverso il quale i sardisti e le sardiste nuoresi si ritroveranno, insieme alla cittadinanza, per discutere della situazione politica nuorese attuale e futura e dello stato in cui verte la città di Nuoro.  Il Partito Sardo, infatti, che di recente è stato al centro del dibattito cittadino, con la fuoriuscita dai banchi della coalizione Soddu a seguito della defenestrazione dei suoi assessori, intende così continuare il percorso di dialogo e condivisione con i nuoresi per affrontare i problemi concreti della città, attuali e futuri»