Scoprire il Man guidati dalla musica

Con “Esposti al libero ascolto” parte sabato 2 marzo  la stagione classica di primavera numero 33 organizzata dall’Ente Musicale di Nuoro con il contributo di Regione, Fondazione di Sardegna,’Istituto comprensivo “Piero Borrotzu”, cooperativa Lariso, museo Man e Mousikè: Biglietti e abbonamenti per i concerti in programma saranno in prevendita prossimamente online sulla piattaforma Ciaotickets (www.ciaotickets.com) e, a Nuoro, al CTS in piazza Mameli 1.

Sabato l’appuntamento è al Museo Man che ospiterà due spettacoli, alle ore 19 e alle 20 con una produzione originale dell’Ente Musicale affidata al compositore e organista nuorese Fabio Monni: un progetto che ha come punto cardine il legame tra spazio e suono, scritto specificamente per il Complesso Vocale diretto da Franca Floris (in scaletta brani di Tomas Tranströmer e Katarina Frostensone) per gli spazi del Museo provinciale d’arte contemporanea, con il palcoscenico sostituito da 15 ambienti dove l’ascoltatore assume un ruolo attivo, muovendosi nello spazio facendosi guidare dal semplice ascolto del suono: vista la location in grado di ospitare un numero ristretto di spettatori, è consigliabile confermare la presenza inviando una email a fabiomonni@gmail.com oppure entemusicalenuoro@gmail.com.

La serata vedrà anche l’esordio di Sara Meloni come direttrice artistica.La giovanissima violinista sarda specializza in violino barocco al Conservatorio di Roma col massimo dei voti e la lode,  laureata  in Musica da Camera nella classe di Paola Poncet, clavicembalista che oltre l’attività in tutto il mondo in prestigiose orchestre  (solo nell’ultimo anno ha suonato in Giappone, Cina, Stati Uniti, Sud America, Austria, Svizzera, Portogallo) e fondatrice nel 2013, insieme al clavicembalista Luigi Accardo, dell’ensemble “Musici di Castello” ospitato nello storico Palazzo Siotto di Cagliari.

Oltre “Esposti al libero ascolto”, la stagione prevede altri otto appuntamenti, a partire dal Nuoro Baroque Festival che sarà aperto  il 30 marzo dall’Ensemble Odhecaton che riunisce le migliori voci italiane specializzate nella musica rinascimentale e pre classica, diretto da Paolo Da Col, protagonista di una Masterclass (con concerto finale  il 31 marzo), in programma dal 28 marzo (iscrizioni per 15 allievi entro il 14 marzo) e il concerto di Roberta Mameli  e Luca Pianca, che presenteranno, il loro ultimo disco vincitore nel 2017 del “Diapason d’or”  Anime Amanti.

Dopo la musica barocca, il 4 aprile toccherà alle sonorità del primo Novecento presente dal soprano Valentina Valente e l’Ensemble diretto dal maestro Andrea Ivaldi in Pierrot Lunaire di Arnold Schönberg. A maggio arriva l’operina Un giorno senza Tel, altra produzione commissionata dall’Ente Musicale alla scrittrice nuorese Alessandra Berardi Arrigoni per il libretto e al musicista trentino Enrico Miaroma, affidata al coro e all’Ensemble dell’Istituto Comprensivo. A giugno trasferimento a Cala Gonone dove nelle suggestive Grotte del Bue Marino, si terrà il concerto di Naomi Berrill, mentre a luglio sarà  il Quartetto Indaco, una delle formazioni di musica da camera emergenti, a chiudere la prima parte della Stagione Classica 2019.

 

Per ulteriori informazioni sulla stagione 2019 si può telefonare al numero  0784/36156 o alla mail info@entemusicalenuoro.it.

.