Scomparso a Macomer, l’appello del sindaco

L’angoscia di un’intera città nelle parole del sindaco di Macomer Antonio Onorato Succu che si augura «uno scatto di solidarietà da parte di tutta la nostra comunità e del territorio», per la sorte di Manuel Careddu, il giovane scomparso dal capoluogo del Marghine la sera dell’11 settembre e segnalato per l’ultima volta alla stazione di Ghilarza. Inutili finora le ricerche in tutta la Sardegna da parte delle forze dell’ordine e la mobilitazione di amici e parenti. Caduti nel vuoto anche i disperati appelli della mamma Fabiola Balardi e dei familiari. «La comunità macomerese è angosciata da questa vicenda e vive in profonda apprensione per la sorte di questo ragazzo – scrive Antonio Onorato Succuo -. Ci sono una madre e una famiglia che soffrono e sperano nel buon esito della vicenda. Sono certo che le forze dell’ordine stanno facendo tutto il possibile nell’attività di ricerca ed indagine, ma faccio un appello a tutte le persone di buona volontà perché forniscano alle autorità ogni notizia utile al ritrovamento di Manuel».