Sarule aspetta il medico

Continuano gli appelli degli amministratori comunali per l’assenza dei servizi essenziali nelle comunità dell’interno. Anche il sindaco di Sarule Paolo Ledda (nella foto) nei giorni scorsi ha inviato una lettera al prefetto di Nuoro segnalando che dal 2018 il paese si trova senza una sede titolare, «A complicare ulteriormente la situazione – ha scritto – l’unico medico in presente è in malattia». A questo scopo è stata nominato un sostituto,  fino alla fine del mese di aprile.
Nella lettera il primo cittadino fa notare che allo stato attuale risultano 600 le persone, di cui molte fragili, senza il diritto all’assistenza sanitaria, costringendo molti sarulesi  a recarsi presso i medici di famiglia dei paesi vicini, dove peraltro si registrano problematiche simile, con code interminabili e rischi di assembramento evidenti.
Visto l’aumento dei positivi anche a Sarule, Paolo Ledda chiede anche l’impiego di medici militari per porre rimedio a un’emergenza che rischia di diventare ancor più ingestibile.

© riproduzione riservata