Sanità a Nuoro, non bastano le soluzioni-tampone

Grazie agli specialisti che arriveranno da Cagliari e Sassari, ad agosto il reparto di Neurochirurgia dell’ospedale “San Francesco” di Nuoro non chiuderà, ma è necessario risolvere una volta per tutte l’emergenza. In quel reparto considerato un’eccellenza che ogni anno esegue oltre 600 interventi lavorano attualmente cinque medici, rispetto all’organico minimo ne mancano due più il primario. Chiaro che la soluzione-tampone lascia irrisolto il problema di fondo come sottolineano la deputata dei Cinquestelle Mara Lapia (che aveva sollecitato l’intervento della ministra Giulia Grillo) e il consigliere regionale della Lega Pierluigi Saiu. Entrambi pongono, infatti, proprio l’accento sulla necessità di sbloccare i concorsi. «Ci siamo occupati di un’emergenza dovuta allo stato del sistema sanitario regionale così come lo abbiamo trovato», sottolineando il lavoro svolto dall’assessore Regionale Mario Nieddu ma ricordando che «risolta l’emergenza dobbiamo impegnarci ora per sbloccare i concorsi che permetteranno l’assunzione di nuovi medici. Sappiamo che l’assessore alla Sanita’ e’ gia’ al lavoro in questa direzione. Abbiamo ereditato una sanità a pezzi e stiamo lavorando per rimetterla in piedi».
CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn