Sanità, Lai: «Intervenga il Governo»

Tore Lai, già candidato sindaco ed ex consigliere comunale di Nuoro interviene nel dibattito sulla Sanità sarda, e nuorese in particolare, dopo lo scontro tra la deputata Mara Lapia del Movimento 5 Stelle e l’assessore regionale Luigi Arru (ne abbiamo scritto qui).
«La sanità sarda – scrive Lai alla redazione de L’Ortobene – è stata commissariata anni addietro causa parametri fuori da quelli nazionali.
Questo ha determinato imposizioni dal governo nazionale: o si rientra nei parametri o si è obbligati ad aumentare le tasse IRPEF e IRAP, i ticket sanitari e altri limiti ancora. Ecco il motivo che ha spinto la giunta Pigliaru a fare, per la prima volta, una vera riforme sanitaria, per quanto discutibile e migliorabile. Non certo come avvenuto nei decenni precedenti in cui le finte riforme servivano unicamente a mettere a capo delle varie Asl i propri solidali politici. Questo non è di certo colpa della onorevole 5 stelle Lapia mentre è in parte addebitabile alla parte politica cui fa riferimento l’assessore alla sanità Arru, il Pd.
Detto questo – prosegue Lai – l’assessore Arru, per sua volontà o per obbligo di legge, sta portando avanti una riforma sanitaria per rientrare nei parametri. L’onorevole Lapia non può di certo risolvere i problemi della sanità sarda facendo un giretto negli ospedali.
Adesso il governo è in mano alla sua parte politica, se ha a cuore la sanità sarda faccia approvare norme meno severe per i cittadini sardi. Al contempo però, dal momento che gli errori del passato si pagano, non si limiti ad elencare i disservizi ma elenchi in maniera analitica dove sono gli sprechi e le inefficienze oggi.
Questo si – conclude Lai – sarebbe un grosso contributo per i sardi, altro che spot in rete».

© riproduzione riservata

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn