Sanità, controreplica di Saiu a Arru

Botta, risposta e controreplica tra Pierluigi Saiu e Luigi Arru. Il consigliere regionale nuorese che ieri aveva spiegato dal suo punto di vista le ragioni della chiusura per ferie nelle prime settimane di agosto dei reparti di Chirurgia vascolare e Neuroghirurgia dell’ospedale “San Francesco” di Nuoro (https://www.ortobene.net/in-ferie-neurochirurgia-e-chirurgia-vascolare/ ), controreplica all’ex assessore alla Sanità che oggi ha descritto nel dettaglio le ragioni delle carenze di organico e le azioni messe in campo per sopperire alla mancanza di medici (https://www.ortobene.net/sanita-arru-replica-a-saiu/).

«Il silenzio del suo PD – scrive Saiu – costringe l’ex assessore alla Sanità a intervenire per difendere scelte e provvedimenti che la sua stessa parte politica ha disconosciuto con fragore mediatico, come noto, da un bel po’. Quelle scelte, rinnegate dai suoi stessi compagni, producono oggi conseguenze ed effetti. Siamo al governo della Regione grazie alla lucidità dei sardi, che hanno scelto una strada e un metodo differenti. Hanno lasciato un disastro. Ne è esempio lampante la chiusura estiva di due reparti fondamentali come la Neurochirurgia e la Chirurgia vascolare. Dall’ex assessore alla sanità sarebbe stato lecito aspettarsi un contributo positivo alla soluzione dei problemi soprattutto per il centro Sardegna, terra che dovrebbe conoscere. Tuttavia, non avendolo fatto prima, quando era in carica, non stupisce che questo contributo positivo non arrivi adesso. Tira in ballo il governo nazionale per nascondere cinque anni di politiche regionali che hanno impoverito la sanità, con tagli indiscriminati e disagi soprattutto per il nostro territorio» .

«Rimangono i fatti», conclude Saiu: «L’Azienda ha disposto la chiusura dei reparti e noi dobbiamo cercare di rimediare ai danni. Non è un caso se i sardi li hanno mandati a casa».