San Francesco, laboratorio analisi senza personale

Quella del Laboratorio Analisi dell’ospedale “San Francesco” di Nuoro è una situazione «diventata oramai insostenibile» data la cronica carenza di personale. È quanto denunciano i 25 tecnici  di Laboratorio biomedico attualmente in servizio, (l’età media è poco al di sotto dei 60 anni) in un documento a firma delle federazioni territoriali nuoresi di Cgil e Cisl Funzione pubblica indirizzato al direttore generale Ats Fulvio Moirano, a quello della Assl Nuoro Andrea Marras e al direttore del Laboratorio Analisi  dell’Ospedale “San Francesco” la dottoressa M. Antonietta Contu.
«Dall’anno 2005 ad oggi – si legge nella nota – si sono registrati 13 pensionamenti  più un trasferimento mai sostituiti, a cui a breve ne seguiranno altri 3. Il servizio di “guardia notturna attiva” che 15 anni fa vedeva operativi 27 tecnici oggi conta solo 12 unità, ma il numero potrebbe scendere a 10 in quanto due  fruiscono della legge 104/92. Tale servizio, svolto in totale autonomia, dalle ore 20,00 alle ore 08,00 del giorno successivo grava su un solo tecnico. A fronte di questo – prosegue il documento – ne consegue che le turnazioni sono sempre più frequenti ed  i carichi di lavoro  sempre più pressanti; non meno critica è la situazione dei turni diurni in cui si manifesta un incremento del lavoro che confluisce quotidianamente dai centri prelievi dislocati sul territorio provinciale, dai distretti di Siniscola, Sorgono e Macomer e per particolari esami dalle diverse Assl della Sardegna Settentrionale. La continua evoluzione delle procedure, frutto della innovazione scientifica e tecnologica, impone l’assoluta necessità e presenza delle risorse umane, necessarie a garantire i livelli di professionalità e accuratezza nello svolgimento del proprio lavoro».
I sindacati denunciano il silenzio dell’azienda e il mancato adeguamento della pianta organica «nonostante le ripetute sollecitazioni da parte del personale tecnico», che ha causato grandi difficoltà a garantire un servizio adeguato. Nel contempo Cgil e Cisl chiedono «l’urgente assunzione di un congruo numero di tecnici attingendo dalle graduatorie vigenti al fine di riportare un minimo di serenità lavorativa.
In caso contrario – conclude la nota – si convoca già da ora una conferenza stampa per mercoledì 28 marzo 2018 alle 10 nei locali del Laboratorio di analisi dell’Ospedale San Francesco di Nuoro durante la quale verranno annunciate le prossime iniziative, fra le quali il blocco totale delle reperibilità».

© riproduzione riservata

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn