Il Salvatore Satta che non ti aspetti nelle lettere a Laura

Sarà presentato venerdì 9 marzo alle ore 17,30 a Roma in Campidoglio nella prestigiosa “Sala del Carroccio” il libro  Mia indissolubile compagna curato per le “Edizioni Ilisso” da Angela Guiso che raccoglie 120 lettere scritte da Salvatore Satta alla moglie Laura Boschian dal 1938 al 1971. Dell’«uomo che non ti aspetti», come stando alla prefazione avrebbe voluto sotto titolare il libro la curatrice, parleranno Gemma Azuni, originaria di Olzai, già consigliera comunale di Roma Capitale; lo scrittore e critico letterario Renato Minore; lo storico Carlo Casula e la stessa Angela Guiso. Un ritratto inedito e per certi versi «inatteso e sorprendente» del giurista autore de Il giorno del giudizio nato a Nuoro il 2 agosto 1902 e morto a Roma il 19 aprile 1975. Il dibattito in Campidoglio sarà, insomma, stimolato da un contributo originale sull’opera e la figura di Salvatore Satta resa possibile da questa «originale cronaca di un viaggio verso Laura, ma soprattutto verso sé stesso – scrive Angela Guiso – una sorta di libro mastro che accoglie pensieri su pensieri nella difficile navigazione per una appagante identità sentimentale dove, pagina dopo pagina, si dipana l’intricato processo di un affetto profondo e si soffia via la polvere di antiche concrezioni alla ricerca dell’uomo nuovo».