Rischio incendi: «Massima prudenza»

Con la prima vera ondata di caldo di questa estate si moltiplicano gli appelli alla massima prudenza da parte della Protezione civile, del Corpo forestale e dei Vigili del fuoco mobilitati per prevenire e combattere gli incendi. Nonostante l’avviso di condizione meteo avverse (“onda di calore”) in vigore fino alle ore 20 di oggi mercoledì 26 giugno (ieri il record si è registrato a Palmas Arborea (Oristano), con la colonnina di mercurio che si è fermata a 39,9 gradi), i venti deboli hanno contribuito a un bilancio positivo nella giornata, salvo la mobilitazione a Ollolai dove è ripartito il rogo di lunedì richiedendo oltre il lavoro delle squadre a terra, tre interventi dell’elicottero della base di Sorgono, più altri due allarmi a Sindia e Maracalagonis. Oggi si dovrebbe registrare un leggero calo delle temperature e una quasi assenza di vento (vedi sotto le previsioni Arpas), ma la giornata è segnata con il bollino rosso sul fronte del fuoco, con il rischio più alto nel Sassarese (foto sopra) secondo il bollettino quotidiano diramato dalla Direzione generale della Protezione civile sarda.