Ricomprare il camion-cisterna-:  IT21H0101585090000000001091

“Paradura” diretta, senza intermediari. Chi vuole aderire alla raccolta fondi a favore del camionista che lunedì si è visto bruciare la sua autocisterna per il trasporto del latte, può farlo versando «quanto è nelle sue possibilità» direttamente sul conto corrente dell’interessato presso la filiale del Banco di Sardegna di Thiesi. Questo è l’Iban: IT21H0101585090000000001091 intestato a Leonardo Falchi. In una nota l’organizzazione agricola condanna l’episodio ribadendo che si tratta di «un atto vile, lontano dalla cultura dei pastori, che anche in momenti difficili come quello che si sta vivendo quest’anno, non cedono ad atti di vigliaccheria». Infatti a poche ore dall’attentato i comitati dei pastori hanno deciso di invitare i colleghi a versare il corrispettivo di cento litri di latte a favore del camionista (https://www.ortobene.net/raccolta-latte-ricomprare-lautocisterna-incendiata/). Ora c’è l’Iban a disposizione. Quella che è stata chiamata “Paradura col latte” si richiama ai vincoli di solidarietà forti nel mondo delle campagne con i pastori che vanno in soccorso di chi è caduto in disgrazia ricostruendo il suo greve donando una pecora a testa. Con questo atto è la miglior risposta ai due individui che armati e mascherati hanno bloccato l’autista, lo hanno legato per poi incendiare l’autocisterna: «Delinquenti, non pastori», è stato fin dal primo momento il coro unanime che si è levato, compreso il ministro degli Interni Matteo Salvini, il neopresidente della Regione Christian Solinas fino agli stessi pastori. «Siamo vicini al camionista che ha perso il camion – evidenzia il direttivo di Coldiretti Sardegna  – e come Organizzazione sensibilizziamo i nostri soci e tutti i cittadini a dare un contributo, ognuno secondo le proprie possibilità, affinché possa riacquistare il mezzo che gli consentirà di lavorare. Questo atto vile ha colpito tutti, pastori e Sardegna, per questo dobbiamo reagire insieme e aiutare chi ne ha subito i danni materiali».