Quello che ha valore al di là dell’apparenza

La decima puntata della rubrica curata dagli studenti del Liceo Classico di Nuoro. Libriamoci è un progetto coordinato dalle docenti Venturella Frogheri e Paola Serra.

L’essenziale è invisibile agli occhi, dice il piccolo principe, protagonista del romanzo di Antoine de Saint-Exupéry. Ma cosa è l’essenziale? Che cosa non riusciamo a percepire con i nostri occhi?
La vita, il mondo costituiscono una sfida continua, piena di ostacoli da superare, e talvolta in tutta questa confusione smarriamo la via, e anche noi stessi. Ci limitiamo a guardare l’apparenza della vita, ci fermiamo alla superficie. Dimentichiamo quali sono le cose e le persone davvero importanti per le quali battersi e non teniamo conto di che cosa racchiudano al loro interno.
Proprio su questo l’autore ci vuole far riflettere invitandoci a osservare il mondo con stupore e meraviglia, riuscendo a vedere “la pecora attraverso la scatola”.
Tutto questo è possibile solo tramite gli occhi di un bambino, come il piccolo principe, che grazie alla sua ingenuità percepisce tutto ciò che lo circonda con estrema semplicità, ma allo stesso tempo, attraverso continue domande, riesce a cogliere la vera essenza delle cose più dei “grandi” e a intendere quale sia il modo migliore per affrontare il mondo.
Partito da un piccolo asteroide, compie un lungo viaggio durante il quale incontra vari personaggi che rappresentano i maggiori vizi degli uomini, rivelando la loro pochezza. Alla fine giunge sulla Terra, nel deserto, dove incontra l’autore del libro, un aviatore costretto ad atterrare là a causa di un guasto. È un uomo solitario, incompreso da tutti, che inizialmente è infastidito dalle domande del bambino, ma poi capisce di trovarsi davanti a un essere fuori dal comune.
Per la prima volta l’uomo sente di aver incontrato qualcuno che comprende il suo modo di vedere il mondo, a causa del quale fu sempre sottovalutato. Perciò grazie a lui lo scrittore ritrova se stesso e ci propone il piccolo principe come modello per farci sentire la nostalgia di ciò che ha valore al di là dell’apparenza.

© riproduzione riservata

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn