Pronti alle nuove sfide

L’Ortobene entra nel suo novantaquattresimo anno di vita con una nuova veste grafica. Già in questo numero si può intuire la strada che intendiamo percorrere nel tentativo di migliorare il contenitore per rafforzare i contenuti. Si tratta di un progetto aperto, da costruire insieme a voi lettori e con il vostro contributo. Un “vestito” che stiamo cucendo in casa, a costo zero, da migliorare di numero in numero insieme agli abbonati.
Cambiare è indispensabile per andare incontro alle mutate esigenze. Purtroppo, rispetto al progetto editoriale originario, dobbiamo procedere per tappe tenendo soprattutto ben presenti i vincoli di bilancio perché la solidità economica è l’unica vera garanzia di indipendenza e libertà. Condizioni basilari soprattutto nel momento in cui il Governo, bloccando finanziamenti irrisori rispetto all’indotto economico e ai benefici culturali, intacca quel pluralismo indispensabile in ogni democrazia, cancellando i contributi all’editoria e in particolare alle testate territoriali. Ci rendiamo sempre più conto che anche a livello locale la voce della Chiesa è sempre più scomoda. Già la crisi economia con effetti peculiari sull’editoria e la carta stampata derivanti anche da internet, ha travolto molte testate diocesane. Noi, incoraggiati dal vescovo e dalla comunità diocesana, siamo decisi a resistere: non abbiamo fondi da spendere in rivoluzioni editoriali, investiamo così nel nostro entusiasmo e su voi lettori, i nostri azionisti di minoranza perché la quota di maggioranza è in mano alla Provvidenza.
Con questo spirito da questa settimana, inoltre, il settimanale avrà due pagine in più a colori per andare incontro anche alle esigenze degli inserzionisti, convinti come siamo che nella nostra missione editoriale radicata nel territorio sia un dovere anche offrire una visibilità alle realtà economiche locali tagliate fuori dai circuiti pubblicitari nazionali e regionali. Un impegno più sociale che economico, da costruire avviando anche un’integrazione dell’offerta con le altre testate diocesane, Radio Barbagia e il sito web www.ortobene.net.

© riproduzione riservata

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn