«Preoccupante inabilità informatica»

GARANTE INFANZIA: “MOLTE CRITICITÀ, PIÙ ATTENZIONE DA ISTITUZIONI”

(DIRE) Cagliari, 27 apr. – «Sulla formazione a distanza chiediamo più attenzione alle istituzioni sarde, nella nostra isola ci sono maggiori criticità rispetto al resto d’Italia. Le distanze, l’assenza di connessioni, la povertà educativa legata in parte al disagio sociale, impediscono che la formazione a distanza possa produrre tutti i suoi migliori effetti». Così Grazia De Matteis, Garante regionale per l’infanzia e l’adolescenza. «Attraverso l’ufficio scolastico regionale abbiamo attivato una ricerca relativa al bisogno di strumenti informatici in tutte le scuole della Sardegn– spiega De Matteis -. È emerso che non sono sufficienti i dispositivi che il ministero ha mandato attraverso le scuole, in alcuni paesi non c’è rete e all’interno della stessa famiglia ci sono più minori che non sanno utilizzare appieno lo strumento informatico. Dalle statistiche emerge come in Sardegna il grado di inabilità informatica dei nostri ragazzi sia abbastanza alto. Da parte loro i professori e il sistema scolastico stanno facendo tanto, direi che forse di più non si può pretendere, si può solo migliorare attraverso l’esperienza. Per questo spero che i nostri ragazzi possano avere delle nostre istituzioni un aiuto ulteriore».