Se il popolo non conosce chi lo governa

Quelle che leggete sono mie considerazioni personali. Il nostro Governo regionale ha la rara s/fortuna di essere guidata da personaggi tanto cari ai giornali progressisti e democratici. Al potere ci sono professori universitari. L’Università, si sa, ha il diritto di bacchettare tutti i plebei ma non il dovere di interrogarsi su quale classe dirigente, quale ossatura della società, ha sfornato in questi decenni. Giudica gli altri e pretende di non essere giudicata da nessuno: hanno voce in capitolo solo gli addetti ai lavori.
Ci ritroviamo così con un Governatore, pluriemerito universitario, Francesco Pigliaru, non orunese come da lui dichiarato, cittadino del mondo ed esperto di economia mondiale. Per lui possiamo avere la massima stima ma ha ridotto la Sardegna nel perimetro che va dal Poetto a Pirri: il resto dell’isola gli è estraneo. Detto senza acrimonia.
L’assessore agli affari generali mi dicono sia Filippo Spanu, succeduto a Gianmario Demuro, entrambi della ditta universitaria. Curriculum brillante ma la maggioranza dei sardi non sa chi sia. Nei tempi passati, l’assessore Baghino non era docente universitario ma lo conoscevano anche le pietre.
A Nuoro città, tra Su Pinu e Monte Gurtei, mi è capitato di sentir parlare di Raffaele Paci, mitico Professore ordinario di Economia Applicata nella facoltà di Scienze Politiche dell’università di Cagliari, ecc. Ovviamente con moglie docente universitaria anch’essa. Forse lo conoscono più alla Northeastern University di Boston che da noi. Sarà pure bravo ma quando risponde in quel modo ai problemi rappresentati dal comune capoluogo si fa prima a pensare sia un sultano turco.
L’assessore agli Enti locali, finanze ed urbanistica Cristiano Erriu, laurea in Giurisprudenza, Master in Business Administration presso l’Università di Bologna, si ingegna ed impegna. Ma nel nuorese, esclusi gli addetti ai lavori, è come parlare di un marziano.
Dell’assessore alla Difesa dell’ambiente Donatella Spano, 56 anni (Sassari) Professore ordinario in Scienze e tecnologie dei sistemi arborei e forestali, Dipartimento di Scienze della Natura e del Territorio, Università di Sassari, il sardo medio non sa chi sia.
Lo stesso dicasi per l’assessore all’Agricoltura e riforma agro-pastorale di cui neanche io ricordo nome e cognome. Sicuramente è comunque una stella nel panorama universitario.
Non ricordo chi c’era prima e chi c’è oggi, dopo il rimpasto, all’assessorato al Turismo, artigianato e commercio.
L’assessore all’Igiene, sanità e assistenza sociale è Luigi Arru. Non è docente universitario ma un ottimo medico. È forse l’assessore più conosciuto e anche contestato. Si poteva evitare di scrivere nel suo profilo professionale che è fratello di Antonello Arru, presidente del Banco di Sardegna. Non ha bisogno di cotanto accredito.
Chi siano gli altri assessori industria, Lavoro, formazione professionale, cooperazione e sicurezza sociale, Pubblica istruzione, beni culturali, informazione, spettacolo e sport, Trasporti, da un rapido sondaggio fatto da Radio Barbagia risultano non pervenuti.

© riproduzione riservata