Ponte di Oloè chiuso almeno per altri 6 mesi

A Oliena e Dorgali si mettano l’anima in pace: il ponte di Oloè rimarrà chiuso per almeno altri sei mesi. Lo si deduce da un approfondimento del comunicato stampa divulgato oggi dal deputato Alberto Manca e dai sindaci di Dorgali Maria Itria Fancello e di Oliena Sebastiano Congiu (tutti esponenti del Movimento 5 Stelle) che hanno incontrato il procuratore della Repubblica di Nuoro. La dottoressa Patrizia Castaldi – si legge nel documento – «ha ribadito con forza la necessità di attuare un’efficace messa in sicurezza della struttura, il cui dissequestro è subordinato all’esito positivo di un’apposita perizia di valutazione qualitativa dei lavori eseguiti, la quale verrà disposta una volta completati gli stessi». Ebbene uno dei tre appalti in corso (“Stralcio del progetto preliminare di adeguamento per l’intervento di riparazione locale sulle strutture dell’impalcato”) stando al bando di gara prevede che «i lavori dovranno essere ultimati entro giorni 180 (centottanta), naturali e consecutivi dalla data del verbale di consegna dei lavori». Sei mesi, quindi, ma teorici tenendo conto che l’aggiudicazione definitiva non è stata ancora formalizzata e i tempi tecnici della successiva perizia che sarà ordinata dalla magistratura per dissequestrare il ponte sigillato il 18 febbraio del 2017 nell’ambito dell’inchiesta aperta dopo i danni registrati al cavalcavia appena interessato dai lavori di ripristino dopo il crollo durante l’alluvione del 18 novembre 2013 che costo la vita all’agente di polizia Luca Tanzi (vedi https://www.ortobene.net/oloe-sempre-chiuso-medioevo/). Per la verità il comunicato di Manca, Fancello e Congiu non si sbilancia sui tempi legati comunque all’ultimazione dei lavori facilmente ricavabile dai capitolari di appalto. «Sarà dunque nostro interesse vigilare con la massima attenzione sulla corretta realizzazione dei tre interventi in corso di esecuzione per conto della Provincia di Nuoro, con la quale prosegue la positiva interlocuzione avviata in precedenza», scrivono gli esponenti pentastellati: «Il primo lotto di lavori, già partito, riguarda il risanamento conservativo della struttura. Gli altri due (interventi specifici sulle strutture di sostegno), già aggiudicati provvisoriamente, sono in corso di aggiudicazione definitiva, avvenuta la quale seguirà la stipula dei relativi contratti e quindi l’avvio dei lavori». Il sindaco di Oliena intanto, ha annunciato che nei prossimi giorni la questione sarà affrontata in Cpnsiglio comunale. In quell’occasione, quindi, sarà possibile tirare più compiutamente le somme dell’impegno messo in campo dal parlamentare Alberto Manca e dai sindaci di Oliena e Dorgali che stanno incontrando «le autorità a vario titolo coinvolte nel procedimento di riapertura al traffico automobilistico dell’attraversamento del Cedrino» e tornano a promettere «una costante e precisa attività di controllo e di informazione».

© riproduzione riservata

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn