Piazza Satta tra passato e futuro

Giornata ricca di appuntamenti domani 1 settembre nell’ambito delle celebrazioni per i 50 anni di piazza Satta. Si inizierà alle 9 con la maratona fotografica internazionale organizzata dall’associazione “Madriche” che proseguirà sabato con l’esposizione dei lavori, mentre  alle 18 toccherà ai “Testimoni del passato” (Gonario Gianoglio, Giampaolo Mele Corriga, Tarcisio Balloi, Graziano Siotto e Nicola Porcu) raccontare “Come nasce Piazza Satta 1967-2017”. Si prosegue alle 19 con “Poetry slam vs poesia estemporanea tradizionale”, tecniche di poesia a confronto; poi alle ore 20 “Cuor di Sardegna -Omaggio a Sebastiano Satta”, video-proiezione curata da Arkaosfilm. Alle ore 20.30, sempre venerdì 1 settembre, nuovo tutto nel passato con la videoproiezione della docu-intervista “Nivola, Satta e Siotto: L’ultimo tagliapietre”, durata 11 minuti, ideazione e direzione di Graziano Siotto Jr. in collaborazione della “Fox Production” di Andrea Mariane. e di “Il nome delle pietre – Nicola Porcu racconta piazza Satta” di Alessandra Corrias. Questi racconti introdurranno “Testimoni del furturo” che a partire dalle 21 prevede quello che viene annunciato come un talk show: “Dieci scrittori—Dieci parole—Dieci minuti”
con Marcello Fois, Michela Murgia, Savina Dolores Massa, Gesuino Nèmus, Pasquale Ruju, Mauro Pusceddu, Manuelle Mureddu. Andrea Pau, Gianni Tetti e Vanessa Roggeri. Gli appuntamenti sono logicamente previsti nella piazza di Costantino Nivola dove si potrà anche approfittare per visitare a Casa Satta  la mostra delle tavole originali del fumetto “Ube fis?” di Manuelle Mureddu  pubblicato dall’associazione “Betìstoria” che, con un dialogo immaginario, descrive il legame di amicizia tra l’artista Francesco Ciusa e il poeta Sebastiano Satta nel momento in cui lo scultore crea la celebre opera “Il fromboliere”.

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn