«Perché non partono i lavori a La Caletta?»

Qual’è lo stato di avanzamento del progetto sul riassetto dell’area portuale che prevede a La Caletta un investimento di quasi 21 milioni di euro? Se lo chiede il consigliere regionale del Pd Roberto Deriu che – insieme Moriconi, Meloni, Piscedda, Contadini, Ganau, Corrias, Lai, Piano e Piu – ha davanti ai lavori mai partiti, ha firmato un’interrogazione per sapere quali iniziativa intende prendere la Giunta e se «il tema faccia parte delle materie ricomprese negli ultimi atti di programmazione che la Regione ha in essere con gli Enti locali del territorio».
Gli interroganti sottolineano che la frazione marina di Siniscola (uno dei centri di riferimento in provincia di Nuoro per le attività commerciali, turistiche e di pesca, per via della presenza della vasta spiaggia e del porto), sconta da tempo un problema infrastrutturale che ne limita lo sviluppo: «La maggior parte delle condotte fognarie dislocate nella zona periodicamente si ostruisce e causa lo straripamento dei reflui fognari negli scoli riservati alle acque bianche». Inoltre «detti reflui fognari confluiscono nel canale Vivarelli, che percorre l’abitato e costituisce il segmento idrografico naturale locale, e sfociano di conseguenza in mare aperto, provocando impatti nocivi nel centro abitato e riversamento di inquinanti»
Deriu e i colleghi consiglieri regionali ricordano che «il Comune di Siniscola, la Regione Autonoma della Sardegna e la Provincia di Nuoro, mediante un’intesa, hanno programmato la sistemazione della viabilità e del bacino portuale e la riqualificazione della borgata marina, con opere di disinquinamento e valorizzazione del canale Vivarelli, in seguito alla ratifica della rimodulazione del PIA NU 07, nella parte relativa al finanziamento del riassetto dell’area portuale di La Caletta». Un progetto da 20 milioni 900 mila euro che prevede tra la sostituzione dei ponti fissi esistenti con altri mobili, funzionali alla localizzazione di un cantiere nautico e di altri servizi turistici e una struttura per turismo sociale a Capo Comino, ma i lavori non sono mai partiti.

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn