I paesi al voto

Il prossimo dieci giugno Oliena, dopo sei mesi di governo del commissario Manuel Delogu, avrà un sindaco regolarmente eletto, ma la Regione dovrà nominare un commissario a Sarule dove alla scadenza naturale della consiliatura non è stata presentata nessuna lista. Nel paese ai piedi di monte Gonare non si è riusciti, infatti, a trovare aspiranti amministratori dopo che la prima cittadina Mariangela Barca aveva da tempo annunciato l’intenzione di ritirarsi, salutando tutti nell’ultima seduta del Consiglio comunale il 10 maggio tracciando un primo bilancio dell’attività svolta che sarà ulteriormente approfondito in un resoconto da distribuire a tutte le famiglie.
Per Sarule si apre però un lungo periodo di riflessione con l’arrivo del commissario. Riflessione che dovrà però necessariamente coinvolgere le istituzioni regionali e nazionali sulle difficoltà che stanno attraversando i piccoli Comuni sempre più indeboliti dai tagli e alle prese con una crisi economica e sociale rappresentata soprattutto dallo
spopolamento che accomuna tanti centri di tutta la Sardegna, anche se non può che meravigliare, se non altro per le diverse condizioni geografiche e ambientali e le potenzialità economiche, vedere Sarule accomunata agli altri paesi dove per la prossima tornata amministrativa non si è riusciti a presentare liste: Austis e Ortueri in provincia di Nuoro, Magomadas in provincia di Oristano e Putifigari in provincia di Sassari.
Campagna elettorale infuocata invece a Oliena, frutto della fine traumatica dell’esperienza amministrativa del sindaco Martino Salis costretto alle dimissioni per lo sfaldamento di una maggioranza politicamente trasversale che non ha retto alla prova dei fatti. Le polemiche che hanno preceduto e seguito lo scioglimento del Consiglio si riflettono anche nelle quattro liste in campo con altrettanti aspiranti sindaci: Gianfranca Salis per “Oliena in Comune”; Mattia Sanna per “Meglio Oliena” Salvatore Fele noto Babore per “Azzurro” e Bastiano Congiu per “Movimento per il futuro di Oliena”.
Sfida a due, invece, a Galtellì dove il sindaco uscente Giovanni Santo Porcu ripropone la sua candidatura alla guida del Comune insieme alla lista “Insieme per Galtè”, confrontandosi con Antonello Delussu sostenuto da “#Garteddi18”.
Dopo due mandati ha deciso invece di non ricandidarsi a Irgoli Giovanni Porcu. Due le liste in campo nel centro baroniese: “Obiettivo Comune” che candida a sindaco Ignazio Porcu e “Rinnovamento per Irgoli” che presenta come aspirante primo cittadino Massimo Mele.

© riproduzione riservata

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn