Ottana, protocollo sorveglianza sanitaria

Dopo un confronto al tavolo tecnico durato un anno, la Giunta regionale ha approvato stamattina, su proposta dell’assessore della Sanità Luigi Arru il protocollo operativo per l’informazione e l’assistenza ai soggetti che ritengono di aver avuto in passato una esposizione lavorativa all’amianto e per la sorveglianza sanitaria di coloro che vengono valutati come ex esposti. I dettagli del protocollo saranno resi noti in una conferenza stampa convocata per la mattinata di giovedì 15 giugno. In attesa di questo approfondimento la notizia è stata accolta con soddisfazione da più parti. prima di tutti dall’Aiea Sardegna impegnata in una vertenza che già nei giorni scorsi ha registrato una inversione di tendenza da parte dell’Inail sul riconoscimento delle malattie professionali. Soddisfatta anche la consigliera regionale del Pd Daniela Forma che con il collega Daniele Cocco ha sostenuto i vari aspetti della vertenza. “Abbiamo fatto – si legge in una dichiarazione dell’esponente del Pd – un altro passo in avanti rispetto agli obiettivi che ci siamo dati sulla Vertenza Amianto.Ora la Sardegna risulta una Regione virtuosa e antesignana nella tutela dei diritti dei lavoratori che nel corso della loro vita lavorativa sono risultati esposti all’amianto. Lo fa anticipando le risultanze dell’Accordo della Conferenza unificata alle quali ci uniformeremo nel momento in cui il suddetto Accordo verrà sancito. Lo fa per offrire un aggiornamento che garantisca una diagnosi certa e precoce delle patologie asbesto correlate e per rendere uniforme la sua applicazione su tutto il territorio regionale. Lo fa accogliendo e facendo proprie le rivendicazioni dei tanti lavoratori che gridavano attenzione su questi aspetti e rispetto ai quali abbiamo anche noi consiglieri regionali dato voce e risonanza. Un grazie – conclude Daniela Forma – quindi alla Giunta regionale e all’assessore della Sanità Luigi Arru e un grazie ai tanti amici con i quali abbiamo portato avanti questa giusta rivendicazione”.

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn