Ostriche e cozze per “Campagna Amica”

Iniziano domani – giovedì 18 luglio a Nuoro – i percorsi estivi di “Campagna Amica”, il mercato dei produttori Coldiretti che in collaborazione con il Centro commerciale naturale del corso Garibaldi e il patrocinio del Comune per la prima tappa ha scelto di proporre,  in piazza Mazzini a partire dalle ore 20 un agriaperitivo a base di ostriche e cozze della cooperativa pescatori d’Ogliastra che saranno accompagnate con il vermentino di Sardegna DOC e il vermentino di Gallura DOCG. «Saranno delle serate a tema del buon gusto e del cibo giusto – spiega il presidente di Coldiretti Nuoro Ogliastra Leonardo Salisma anche della buona cultura e storia, perché le eccellenze del territorio si potranno apprezzare non solo con il palato ma si conoscerà anche la loro storia, il percorso che le ha portate dalla terra, in questo caso dal mare, alla tavola direttamente dai produttori e pescatori».

Dopo Nuoro, sabato 20 luglio (dalle 18 alle 23) sarà la volta di Posada, dove all’interno di “Joko”, il festival dei bambini, Campagna Amica, in collaborazione con Coldiretti Donne e Giovani, intratterrà i bambini con laboratori didattici per contribuire ad una educazione al mangiar sano e al rispetto della natura

Si continua giovedì primo agosto a Nuoro dalle 20 con un agriaperitivo di Campagna Amica nel caffè Retro del Corso. Mentre il 7 agosto ci si trasferisce a La Caletta (a partire dalle 20 nel giardino dell’ex casello del Genio civile) per una serata enogastronomica con al centro la Pompia. l’agrume raro sarà valorizzato con diversi piatti tradizionali ai quali saranno abbinati i vini e le birre della rete locale di Campagna Amica.               Il 25 agosto, invece, i percorsi di Campagna Amica accompagneranno la festa del Redentore di Nuoro con lo street food (cibo di strada) a km0.

In tutte le tappe dei Percorsi di Campagna Amica – ricorda Coldiretti Nuoro-Ogliastra – si potrà sottoscrivere la petizione #stopciboanonimo promossa a livello europeo per chiedere alla Commissione europea di rendere obbligatoria l’indicazione di origine degli alimenti.

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn