Orosei, addio alla pioniera del turismo

Cordoglio a Orosei e in tutta la Sardegna per la scomparsa di Michela Mastio, meglio nota più semplicemente come tzia Michela, la pioniera del turismo nel centro baroniese, scomparsa oggi all’età di 87 anni. Grazie a un’intuizione dei primi anni Sessanta del secolo scorso quando davanti ad alcuni turisti che chiedevano dove poter mangiare meravigliati per l’assenza di un ristorante. La donna capì che la nascente industria delle vacanze nascere in Costa Smeralda grazie all’Aga Khan, era un’opportunità anche per la Baronia. Nel 1976, con il marito Mario Sotgiu, tzia Michela inaugurò il primo albergo della zona, “Sa Mattanosa, una trentina di stanze, poi l’hotel Cala Ginepro, il residence a Sos Alinos e i raffinati “Giardini”, per un totale di 1300 posti letto. «Donna coraggiosa che ha saputo indicare e percorrere le strade dell’emancipazione e della crescita del territorio», l’omaggio e il cordoglio dell’amministrazione comunale di Orosei. Anche il presidente della Regione ha espresso tra gli altri un profondo e sincero cordoglio per la scomparsa della donna «che in anni di duro lavoro ha saputo realizzare a Orosei una realtà imprenditoriale di rilievo creando un’opportunità di occupazione notevole nel territorio. Con lei, coraggiosa e lungimirante – ha detto Christian Solinas –  se ne va una grande donna sarda che è stata ambasciatrice dei nostri valori tradizionali più autentici».

I funerali domani – domenica 28 aprile – alle ore 16 nella parrocchia di Sant’Antonio di Orosei, partendo dal centro congressi di Cala Ginepro.