Orani, primo bilancio di Qu.Tu.

Cala il sipario sulla rassegna oranese “Qu.Tu. Quando tutte le donne del mondo”. Cinque incontri tra Critica poesia multicultura e scienza. promossi dall’Impresa Sociale Nuovi Scenari, sostenuti dal Comune di Orani e dalla Fondazione di Sardegna, in collaborazione con il Museo Nivola, la Pro Loco di Orani, la Scuola di Musica “Costantino Nivola”. L’ultimo incontro venerdi scorso ha visto la partecipazione della ricercatrice Teresa Chironi, fondatrice della prima web tv delle donne scienziate, con Elisabetta Strickland, docente di algebra all’università Tor Vergata di Roma, responsabile dell’Osservatorio Interuniversitario sugli Studi di Genere. La serata si è completata con la visione del film “Il diritto di contare” del regista Theodore Melfi, prodotto della Società Umanitaria/Cineteca Sarda di Antonello Zanda.
Una rassegna che ha messo in vetrina anche i talenti della zona, sotto la direzione artistica di Bastiana Madau, scrittrice oranese che dopo aver diretto le biblioteche di Orani e Orgosolo lavora per la Ilisso e ha pubblicato alcuni romanzi interessanti come Simone Le Castor, saggio dedicato all’attualità del pensiero della scrittrice e filosofa francese Simone de Beauvoir .
Il primo incontro al parco del Museo Nivola ha visto la partecipazione di Ilide Carmignani che ha raccontato la nuova traduzione del capolavoro di Gabriel Garcia Marquez, “Cento anni di solitudine”. Un’opera commentata con Maria Cristina Secci e le letture e musiche dal vivo di Maria Giovanna Ganga e Mauro Usai.
Il secondo appuntamento con Milena Agus, esponente della nuova letteratura sarda, e Alessandra Pigliaru, presidente della Società Italiana delle Letterate, insieme alle letture dell’attrice Valentina Loche accompagnata alla chitarra da Antonello Masini.
Il terzo momento con la filosofa e traduttrice Lisa Ginzburg accompagnata dalla ricercatrice Rosanna Morace, e le musiche di Battista Giordano, nell’antica chiesa parrocchiale del paese.
A settembre poesia nella piazzetta de Su Postu nel centro storico del paese, con Dino Manca docente universitario che ha incontrato la poetessa Anna Cristina Serra con la partecipazione del coro femminile di Orani.
Nutrita la partecipazione di pubblico proveniente da tutta la Sardegna che ha avuto l’occasione di incontrare scrittrici e intellettuali di riconosciuta fama negli angoli più suggestivi di Orani, in un clima accogliente e propizio alle narrazioni proposte.
Nel prossimo numero del giornale intervista a Bastiana Madau deus ex machina della rassegna.

© riproduzione riservata

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn