Omicidio, la condanna del sindaco di Orani

«Quando un Oranese muore, la comunità è in lutto, ma quando è commesso un omicidio, è in lutto l’umanità intera, perché la coscienza dell’uomo è stata sconfitta, dove la violenza ha preso il sopravvento. Quando parlano le armi, l’intelligenza umana è ridotta al silenzio». Con queste parole il sindaco di Orani Antonio Fadda, a nome dell’amministrazione comunale, ha riassunto il dolore del paese per l’omicidio di Luca Carboni ucciso la notte scorsa con una fucilata. «Nel condannare fermamente l’assassinio del nostro compaesano – continua il documento – chiediamo a tutti gli oranesi, nessuno escluso, di riflettere sui valori che stanno alla base della convivenza umana, e che sono i pilastri stessi della nostra comunità: civile convivenza, rispetto, solidarietà, bene comune. Non lasciamo che sia l’assurda logica della violenza a vincere, non facciamoci trascinare da pericolose ondate di odio, vendetta e rancore. Rialziamo la testa, e dimostriamo a noi stessi e agli altri i valori di una comunità ospitale, unita, sana».

© riproduzione riservata