Nuoro, processo all’Europa

Martedì 24 luglio, alle ore 18.30 presso il Cortile ISRE di Via Mereu 56 a Nuoro, si terrà l’evento aperto al pubblico “Processo all’Europa. Ragioni sul futuro dell’Europa”.
Trattasi di un innovativo format di comunicazione europea ideato dal Movimento Europeo Italia, che vedrà metaforicamente l’Unione Europea sul banco degli imputati per rispondere alle accuse in tema di accoglienza e immigrazione.
Il Processo all’Europa consisterà dunque nella simulazione di un processo nei confronti delle Istituzioni dell’Unione: durante l’evento finale, le tesi di accusa e difesa si scontreranno in attesa della sentenza finale, emessa da un Collegio Giudicante composto da illustri esperti della materia.
L’evento è organizzato dal Centro Europe Direct del Comune di Nuoro, che ha promosso l’iniziativa accolta dal Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Sassari, la quale ha a sua volta coinvolto nel progetto gli studenti del Corso di Laurea dei Servizi Giuridici e di quella magistrale in Giurisprudenza del Polo Universitario di Nuoro, guidati dai loro docenti.
Il coordinatore sarà Salvatore Boeddu, responsabile del Centro Europe Direct del Comune di Nuoro, e sono previste le presenze istituzionali del sindaco Andrea Soddu, dell’assessore alle Politiche Europee Sebastian Cocco, del prefetto di Nuoro Carolina Bellantoni, anche membro del collegio giudicante, così come il presidente del Tribunale cittadino Vincenzo Amato, del Commissario Straordinario del Consorzio UniNuoro Fabrizio Mureddu, del direttore del Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Sassari Giampaolo Demuro, dell’assessore agli Affari Generali, Personale e Riforma della Regione Sardegna Filippo Spanu e del presidente del Consiglio Italiano del Movimento Europeo Pier Virgilio Dastoli, che presiederà anche il collegio giudicante.

© riproduzione riservata