Nuoro, ore decisive per la Giunta Soddu

Passata la Festa del Redentore, torna in primo piano la ceisi al Comune di Nuoro che, oltre i rapporti numerici e politici all’interno della maggioranza, è nelle mai dei revisori dei conti che devono esprimere il loro parere sugli equilibri di bilancio deliberati dalla Giunta Soddu in una seduta a tre dopo la revoca della delega da parte del sindaco agli assessori sardisti Giuliano Sanna e Antonio Belloi. Parere atteso proprio in queste ore, forse già notificato in Municipio, e che, dopo le equilibristiche riserve espresse un mese fa sul bilancio rischiano di essere un colpo mortale – in caso di un esito negativo – per la coalizione che governa il municipio dal 2015. Un segnale preciso al sindaco è arrivato questa mattina dai consiglieri comunali sardisti poco propensi anche a discutere il loro eventuale rientro nella maggioranza fino a quando Andrea Soddu non azzererà la Giunta,  revocando le deleghe al vicesindaco Sebastian Cocco e all’assessora Valeria Romagna, il triunvirato (sindaco compreso) che da un mese governa il Comune. I tre consigliere del Ps’Az , proprio davanti alle voci sul parere dei revisori, hanno depositato in Comune e reso pubblica una richiesta di accesso agli atti. «Questa mattina – hanno fatto sapere i sardisti via Facebook –  dopo aver ricevuto dagli uffici competenti formali comunicazioni de visu di nessun deposito del parere dell’organo dei Revisori dei Conti sulla deliberazione relativa agli equilibri di bilancio, il gruppo consiliare sardista formato da Claudia Camarda, Viviana Brau e Graziano Siotto, ha formalmente protocollato richiesta di accesso all’eventuale atto e richiesta di accesso a qualsiasi altro eventuale atto da cui si evincano data e orario di invio/ricezione/deposito dello stesso. La Città di Nuoro non può attendere e come Consiglieri/e abbiamo il bisogno di capire se questi atti fondamentali siano pervenuti e, in caso affermativo, di conoscerne l’esito dato dall’organo super partes di controllo dei conti pubblici e quindi dei nuoresi tutti». Insomma, per la Giunta Soddu sono ore decisive.