Nuoro 2020: 36.500 euro divisi per tredici

Sono tredici i progetti per complessivi 36.500 euro messi a disposizione dalla Fondazione bancaria Sardegna, finanziati dal Comune nell’ambito delle iniziative per la candidatura di Nuoro a Capitale della Cultura 2020. L’individuazione delle proposte progettuali, con il relativo stanziamento, è stata formalizzata dalla Giunta comunale il 28 agosto poi integrata per la correzione di un errore materiale il 21 settembre, nell’ultima riunione dell’esecutivo praticamente finita con la consegna al sindaco Andrea Soddu delle lettere di dimissioni degli assessori Sebastian Cocco e Valeria Romagna che di fatto hanno azzerato un organismo che dal 30 luglio deliberava a tre, sindaco compreso. Nell’elenco dei convocati figura anche Maria Boi data però per assente, come in tutte le delibere di giunta dal 9 febbraio 2018 visto che l’esponente de “La città in Comune”, rifiutando la delega ai Servizi sociali (poi assegnata ad interim da Soddu a Valeria Romagna), non aveva firmato il decreto di nomina.

Ecco, comunque, nel dettaglio le tredici proposte progettuali sostenute dal Comune con l’oggetto dell’iniziativa riportato direttamente in delibera. Il finanziamento più alto è andato all’Istassac, l’Istituto per la Storia dell’Antifascismo e dell’Età contemporanea nella Sardegna Centrale presieduto da Marina Moncelsi,  per “attività e convegni” ottiene cinquemila euro. Quattromila euro vanno, invece a Vincenzo Grosso – Uno A Uno – Associazione culturale architetti per “Progetto Seuna al verde per riattivare il rapporto della cittadinanza con la natura, la prima vera opera d’arte. Mostra collettiva, residenza con alcuni garden artist e animazione del quartiere”. Otto le associazioni culturali finanziate con tremila euro: Betistoria (“Progetto Imparas: le masterclass in periferia, confronto con gli autori”); Tambene (“progetto sul tema dei luoghi abbandonati per la riabilitazione degli spazi; tavola rotonda con le scuole, mostra fotografica, concorso”); Marranu (“Progetto di installazione e cartellonistica per scoprire, riscoprire e raccontare il portone di Tavolara della chiesa della Solitudine e il monumento di Maria Lai”); Associazione Astronomica Nuorese (“Due giornate di divulgazione astronomica alla scoperta dei fenomeni astrali presso il sito nuragico di Tanca Manna”); Francesco Pirisi (“Produzione cortometraggio cinematografico  ‘Come un’oasi’ incentrato sulla figura di Grazia Deledda”); Pro loco Nuoro (“Progetti e attività per i 100 anni di Attilio Deffenu”); Europe Direct Nuoro (“Attività di informazione a supporto dei programmi culturali europei”); Madriche (“Rassegna cinematog rafica”). La Arkaos Film (Cinema delle Periferie) si è vista assegnare 1.500 euro per una “rassegna di cinema all’aperto in tre quartieri periferici della città”. Infine due finanziamenti da mille euro ciascuno assegnati a Ultima Spiaggia (“Programma ‘Pro Su Monte 2018’ per la valorizzazione delle sue ricchezze naturali”) e Associazione culturale “Mario Delitala” (“Video documentario”).