Moro: «Subito il Garante per i detenuti»

Perché il Comune di Nuoro non ha ancora nominato il Garante dei detenuti visto che il 14 febbraio è scaduto l’incarico quinquennale affidato a Gianfranco Oppo? È la domanda posta al sindaco Andrea Soddu in un’interrogazione dal consigliere comunale Leonardo Moro che chiede «un impegno preciso per la copertura dell’importante ufficio entro il più breve tempo possibile e nel rispetto delle prerogative del Consiglio comunale» e di conoscere «quali siano i requisiti e le procedure che si intende attivare per la nomina stessa». Moro sottolinea l’importanza del  Garante dei  detedei diritti delle Persone private della    libertà personale. «Un’attenta lettura della relazione sulle attività svolte nel 2017 consegnataci dal professor Gianfranco Oppo che ringrazio per l’impegno, la competenza e la sensibilità che ha profuso nel condurre il suo importante ufficio per il quale la nostra città vanta il positivo primato di aver attivato il presidio fra i primi capoluoghi in Italia, conferma che la situazione carceraria necessita di una presenza forte, qualificata e costante a garanzia dell’intera popolazione carceraria», scrive il consigliere eletto nelle liste del Pd. « I dati numerici e statistici, ma soprattutto la presenza certa e affidabile ha offerto negli anni una certa sicurezza, ha garantito quel trait d’union fra mondo carcerario e società civile esterna indispensabile per far sentire anche i detenuti parte importante della nostra comunità. La visione di insieme consegnataci dal professor. Oppo – conclude Leonardo Moro – non ci pone tuttavia al riparo dalla piena responsabilità di garantire solida continuità alla figura del Garante, si pensi soltanto al numero dei colloqui svolti, con una media di oltre 200 all’anno nel quinquennio, o alle attività intra moenia, tali da conciliare l’impegno dei carcerati col pensiero e con il discernimento».