Manca a Deriu: «Soddu è il problema non la soluzione»

Il problema resta sempre quello: diversità di vedute all’interno del gruppo Deriu o semplice gioco delle parti? Non scioglie il dubbio di fondo il Francesco Manca, vicesegretario provinciale del Pd e candidato a sindaco e propugnatore delle primarie per la scelta di chi deve guidare il centrosinistra alle elezioni del prossimo maggio  (https://www.ortobene.net/siluro-soddu-primarie-candidato-sindaco/), nel suo nuovo e reiterato attacco al primo cittadino Andrea Soddu che il consigliere regionale del Pd Roberto Deriu vorrebbe ricandidare proprio col centrosinistra (https://www.ortobene.net/sorpresa-nuoro-deriu-concorda-sebastian-cocco/?). «Credo che le valutazioni del consigliere Deriu su Soddu, per quanto eminentemente pratiche, non tengano conto di un fatto: il centrosinistra per risolvere i problemi di Nuoro non può ripartire da Soddu perché Soddu, in questi anni, è stato ed è il problema», sentenzia Manca marcando le distanze da chi fino a ieri era il suo punto di riferimento dentro il Pd. Stranamente però il dibattito  che a questo punto rischia di diventare anche stucchevole,  coinvolge una parte del Partito democratico – il Gruppo Deriu, appunto – con tutti gli altri alla finestra e molti visibilmente infastiditi da questo confronto a suon di comunicati ma lontano dalle sedi di partito.

Comunque  Francesco Manca che pure continua a ribadire  – come dimostrerebbero anche queste ultime dichiarazioni di essere «distinto e distante da Deriu», finisce per richiamare proprio l’operato del consigliere regionale proprio per spiegare perché Soddu per il centrosinistra «non è la soluzione ma il problema». Riferito proprio al sindaco, infatti, il vicesegretario  scrive che «è stato il problema quando Deriu proponeva il finanziamento per l’ingresso della Regione negli Enti Culturali Nuoresi, Biblioteca, Man, Università (noi vogliamo invece che la Regione finanzi gli enti Culturali, mentre Soddu si è opposto, gridando allo scippo e mantenendo ancora oggi l’università e la biblioteca commissariate). È stato il problema quando Nuoro ha perso i soldi del Mulino Gallisai (con Deriu che ne ha recuperato 1 per il MAN) perché Soddu vuole farci la sede dell’università (oi vogliamo il campus con tutti i servizi e gli uffici universitari razionalmente accessibili nello stesso sito, nell’ex Artiglieria)».

Il duro attacco a Andrea Soddu continua in un crescendo da campagna elettorale: «È stato il problema – scrive Manca – quando ha isolato la città dal territorio.
 (noi vogliamo fare la Rete Urbana di Nuoro costruendo servizi e progetti con i Comuni vicini, Oliena, Mamoiada, Orgosolo e Dorgali). È stato il problema quando ha perso definitivamente 6 milioni di euro sul Palazzetto dello Sport (noi vogliamo un’impiantistica sportiva che permetta che anche a Nuoro possano svolgersi grandi eventi culturali e sportivi). È stato il problema quando ha abbandonato per quattro anni Prato Sardo ed il Monte Ortobene (noi vogliamo il recupero dei capannoni inutilizzati per un grande polo logistico commerciale ed industriale del Centro Sardegna  con la ferrovia ed il centro sportivo regionale del Coni a Farcana per gli arbitri di tutte le discipline). È stato il problema quando, da assessore ad interim, la Città non ha approvato il proprio bilancio (il consuntivo 2018, ndr) ed è arrivato il Commissario (noi vogliamo un bilancio approvato all’inizio dell’anno per poter fare vera programmazione ed un rendiconto chiaro e trasparente dei soldi dei Nuoresi). Più in generale, è stato il problema quando i suoi mille “si” a chi gli proponeva un progetto, imprenditori, sportivi, associazioni, si sono trasformati in altrettanti “no” nei fatti (noi vogliamo un Comune che dia risposte chiare e non ipocrite). Chi è il problema non può essere la soluzione», ribadisce in conclusione Francesco Manca: «Soddu ha perso la fiducia di una città che gli aveva dato un credito immenso. Io voglio poter guardare in faccia ogni nuorese con la consapevolezza di non averlo illuso».

 

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn