L’VIII edizione di “Nuoro città dei cori”

La rassegna canora “Nuoro Città dei Cori” è giunta quest’anno alla sua VIII edizione. La manifestazione musicale organizzata dall’Associazione Culturale Coro “Nugoro Amada” tornerà sabato 15 giugno dalle ore 20.30 sul palco del Teatro Eliseo Nuoro (Ten).
Anche quest’anno la direzione artistica sarà affidata al Coro “Nugoro Amada”, diretto da Gianni Garau. Le altre voci che accompagneranno il pubblico saranno quelle di Piero Marras, quelle del Coro “Ortobene”, diretto da Alessandro Catte, e del Coro Folk “Città di Macomer”, diretto da Riccardo Marongiu. Parteciperà anche la formazione Kor Vocalensemble, composta da cinque cantanti e pianisti versatili, – Alice Madeddu, Barbara Crisponi, Caterina D’Angelo, Manuel Cossu, Alessandro Porcu -, che proporranno arrangiamenti originali.
L’evento sarà presentato da Alessandra Corrias, e prevede come tema comune a tutte le esecuzioni quello delle “Chentu berrittas”. Si tratta di un prestito dal proverbio “Chentu concas, chentu berrittas”, che si riferisce al fatto che ogni persona abbia le proprie opinioni e differisca con gli altri nel modo di pensare. «Risulta l’esatto opposto dell’armonia e sintonia che invece caratterizza il canto corale», spiegano gli organizzatori, precisando che «il simbolo della berritta è per noi simbolo di unione e di vicinanza». L’evento intende unire la sintonia presente in ciascun coro alla valorizzazione delle differenze tra le varie formazioni: «ciascuno degli ospiti ha una sua specificità, con orgoglio propone la sua arte canora e ognuno è portatore di esperienza pratica, di passione, di appartenenza e di cultura che meritano la più ampia considerazione», ha puntualizzato il coro nuorese.
La serata musicale è stata organizzata in collaborazione con il Comune di Nuoro, il Gruppo Alpini Barbagia sezione Sardegna, la Regione Autonoma della Sardegna, la Fondazione di Sardegna, Sardegna Endless Island e Città di Grazia Deledda.

© riproduzione riservata

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn