L’ortobene #36 del 13 ottobre 2019

Il gioco d’azzardo, con i dati aggiornati dall’Agenzia Dogane e Monopoli, apre il nuovo numero del settimanale diocesano: una piaga che non risparmia la Sardegna, si calcola che ogni sardo spenda l’equivalente di mille euro al mese in gioco, e la provincia di Nuoro-Ogliastra dove in un anno si sono spesi un miliardo e settecento milioni, di cui 50 solo a Nuoro città.
Spazio anche a una nuova piaga che coinvolge il mondo degli adolescenti, quella dei cosiddetti hikikomori, ragazze e ragazzi che si autorecludono isolandosi dal mondo. Seppur non presente nella nostra provincia, secondo quanto comunicato dal Sera nuorese, il fenomeno è da tenere presente perché spesso confuso con la dipendenza da computer e smartphone mentre nasconde invece un più profondo disagio.
Il focus della settimana è dedicato al Parco geominerario, bocciato dall’Unesco. Un reportage di pasquato Farina ci porta in Giordania, dal deserto a Petra, fino alla valle del fiume Giordano. Prime notizie da Oliena, Dorgali e Mamoiada sulla vendemmia, si prospetta una buona annata.
Nelle pagine della vita ecclesiale ampia intervista ai responsabili nazionali del movimento dei Cursillos di cristianità, alla giornata dei migranti, alla festa di San Francesco nel Santuario di Lula oltre alle parole del papa in apertura del Sinodo Amazzonico.
Le notizie dai paesi, la pagina culturale aperta dall’attività del Museo Nuvola di Orani, e le consuete rubriche completano il numero in edicola e in distribuzione agli abbonati.

© riproduzione riservata

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn