Loculi, dibattito su agricoltura sociale

Lunedì 15 gennaio si terrà nella Sala Consiliare del Comune di Loculi il secondo di tre incontri-dibattito della la Rete FA.IN.A.S (FAre INsieme Agricoltura Sociale). Il tema è “L’Agricoltura Sociale, uno strumento per l’inclusione attiva nelle comunità rurali”. Il primo si è tenuto a Belvì l’8 gennaio scorso e il secondo lo sarà il 25 prossimo a Macomer. «Questi incontri previsti nel mese di gennaio – afferma Michele Ruiu Presidente della Rete – si è potuto programmarli grazie al contributo della CCIAA di Nuoro. Con essi vogliamo sensibilizzare imprese e istituzioni sul tema dell’agricoltura sociale come strumento di inclusione attiva. Presenteremo una serie di progetti ai quali istituzioni e imprese possono aderire. Sarà proiettato in anteprima il documentario realizzato dalla Rete FA.IN.A.S. sull’ Agricoltura Sociale».
Parteciperanno all’incontro Daniela Sitzia, ANCI Sardegna, Filippo Bartolomeo, ASSL Oristano, Ciriaco Loddo, Agenzia LAORE Sardegna, Nicola Sassu, Assessorato Regionale Agricoltura e Michele Ruiu, Presidente Rete FA.IN.A.S. Al dibattito interverranno diverse Imprese, Istituzioni Locali e L’Assessorato Regionale alla Sanità, UEPE, Comuni, ASPAL, Organizzazioni di Categoria.
FA.IN.A.S., rete con soggettività giuridica, è nata nel settembre 2016 e comprende 14 imprese a livello regionale e di diversi settori: imprese agricole, fattorie didattiche, sociali, cooperative sociali, cooperative di formazione professionale. FAINAS e le imprese che la costituiscono da anni ormai portano avanti progetti di inclusione sociale attiva e di welfare generativo in tutto il territorio regionale e anche nazionale collaborando con diversi Enti pubblici e privati e fondazioni. Obiettivo della rete è quello di sensibilizzare da un lato le Istituzioni locali e dall’altro le imprese agricole e del terzo settore a sviluppare e utilizzare le varie risorse destinate all’inclusione sociale in seri progetti di welfare generativo, sviluppando azioni innovative di inclusione e di inserimento socio-lavorativo-formativo rivolte a diverse categorie, in particolare a soggetti a rischio di esclusione quali: sofferenti mentali, alcolisti in trattamento , detenuti, minori, utilizzando come “strumento di recupero” l’agricoltura. Michele Ruiu è titolare della Fattoria Didattica e Sociale Funtanarva di Loculi (NU) che è anche Sede Legale della Rete FA.IN.A.S”. Per l’occasione nel Museo “Sa domo de sas artes e sos mestieris” è visitabile la mostra “RI-EVOLUZIONE, collettiva d’Arte Contemporanea” organizzata dall’associazione PintArtetreet.

© riproduzione riservata