L’Europa oggi secondo Pier Virgilio Dastoli

In occasione del “Processo all’Europa” orgnizzato dal centro Europe direct di Nuoro abbiamo incontrato Pier Virgilio Dastoli. L’intervista al Presidente del Movimento Europeo Italia, è stata foriera di informazioni e pareri illuminanti.
La prospettiva europea è stata sviscerata nei suoi aspetti più scottanti: dalla carenza di affectio societatis (volontà di essere soci ndr), che ha portato gli Stati membri verso la disaffezione alle istituzioni europee ed alla rinascita del sovranismo nazionalista, alle notizie bufala che si propagano come epidemie, essendo basate solo sulle errate percezioni di un’opinione pubblica sempre più pilotata verso angosciosi sentimenti di pregiudizio, chiusura ed odio del diverso, passando per la ratifica di trattati penalizzanti per gli stessi governi che li hanno firmati, come nel caso di quello di Lisbona o della riforma del regolamento di Dublino, la frammentazione interna agli Stati europei, che sta portando all’esacerbazione dei moti indipendentisti, fino all’eredità Spinelliana dell’Europa federale e solidale che, attraverso la necessità dell’elezione di una nuova assemblea costituente, potenzi le misure di welfare contro le crescenti disuguaglianze, anche al suo interno, ed i progetti che coinvolgono i suoi giovani attori, come l’Erasmus ed il futuro Servizio Civile Europeo.
Le risposte alla profonda crisi nella quale è precipitata l’Unione Europea, secondo Dastoli, non possono essere date dai singoli governi degli Stati nazione, l’un contro l’altro armati, bensì da una dimensione sovranazionale, transnazionale e federale che tuteli le autonomie e rimpolpi di significato la partecipazione democratica con la sua rappresentatività, attraverso una nuova architettura politica, economica e sociale, che riformi le regole dei trattati tenendo conto delle istanze popolari.
Questi sono solo alcuni dei temi che saranno diffusamente trattati nell’intervista a Pier Virgilio Dastoli, di prossima pubblicazione sul primo numero de L’Ortobene dopo la pausa estiva.

© riproduzione riservata

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn