L’estate di Gino, proiezione all’Isre

Don Rigoldi sarà protagonista all’auditorium “Giovanni Lilliu” dell’Istituto Superiore Regionale Etnografico. Il cappellano dell’istituto di detenzione minorile di Milano “Cesare Beccaria” sarà infatti presente, mercoledì a partire dalle 9:30, alla proiezione del docufilm “L’Estate di Gino”, la pellicola del regista Fabio Martina ambientata in Sardegna che racconta una porzione della vita del sacerdote e dei ragazzi di cui si prende cura. L’Estate di Gino narra la stagione trascorsa in Sardegna da don Gino Rigoldi, cappellano prossimo alla pensione, con gli ex detenuti e i giovani incensurati di cui si prende cura e che porta con sé in vacanza. Nella splendida cornice dell’Isola passano insieme le loro giornate al mare, a giocare a pallone, a nuotare, a camminare, a chiacchierare; tra uno scherzo, una risata, una discussione animata, conosciamo questi ragazzi provenienti da tutte le parti del mondo, che ci racconteranno ciò che è stato e quello che sarà della loro vita, facendo emergere il desiderio di ricominciare, di riscattarsi, per poter essere finalmente liberi.
Mostrando la relazione affettiva tra Gino e i suoi “figli”, la pellicola non è solo un omaggio a questo sacerdote che ha dedicato la sua vita agli altri, ma soprattutto si pone come una profonda e poetica riflessione sul vero senso di paternità. A metà tra osservazione e ricostruzione, il documentario racconta un Gino Rigoldi inedito nel rapporto con i ragazzi di cui si prende cura, nella sua intimità, per far emergere l’uomo e il suo immenso sogno, l’incrollabile fede che diviene proposta di un umanesimo più vicina agli uomini, ai suoi bisogni e ai suoi desideri di dignità e giustizia. Raccontare don Gino vuol dire anche interrogarsi su che cosa significa credere oggi in qualcosa che superi la quotidianità, in un progetto universale di amore, mettendo in relazione le espressioni, i gesti, le parole dei protagonisti con i bellissimi sfondi della Sardegna che assurgono a u dimensione simbolica.
Mercoledì don Gino Rigoldi,  interverrà dopo i saluti istituzionali del sindaco Andrea Soddu e del direttore generale dell’Isre Manuel Delogu. Interverranno anche il regista Fabio Martina, il direttore Rai Sardegna Giovanni Maria Dettori, il prefetto di Nuoro Anna Aida Bruzzese, il garante dei detenuti Giovanna Serra, il procuratore capo della Procura di Nuoro Patrizia Castaldini, la direttrice dell’Istituto penitenziario di Badu ‘e Carros Patrizia Incollu e il cappellano della struttura carceraria don Giampaolo Musesu. La pellicola è una coproduzione (Italia 2018, durata: 78’) Circonvalla Film, Habanero, Noura, Nitrato Film, Moovie, realizzato in collaborazione con Sardegna Film Commission.

© riproduzione riservata

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn