Latte, Coldiretti fa saltare il tavolo

Coldiretti Sardegna, come già anticipato ieri, non parteciperà mercoledì prossimo al Tavolo del latte dove si dovrebbe decidere sulla proposta di prezzo minimo e lancia una sfida ai trasformatori che giovedì scorso avevano chiesto un aggiornamento per una consultazione interna: «Riteniamo che l’Associazione degli industriali che rappresenta le industrie casearie debba ora rendere pubblico a tutti i pastori della Sardegna la propria proposta contrattuale. Solo l’attenuarsi della protesta sarà la rappresentazione più concreta dell’accettazione positiva dei pastori della Sardegna». La  rottura era nell’aria dopo che ieri la stessa Coldiretti aveva annunciato la decisione di presentare un esposto contro gli industriali per la presunta violazione dell’articolo 62 della legge 1 del 2012 che, prevedendo sanzioni oltre i 3 milioni, “vieta qualsiasi comportamento del contraente che, abusando della propria maggior forza commerciale, imponga condizioni contrattuali ingiustificatamente gravose, ivi comprese, ad esempio: qualsiasi patto che preveda prezzi particolarmente iniqui o palesemente al di sotto dei costi di produzione”. (https://www.ortobene.net/11559-2/).

«Da fine settembre – ricorda la Coldiretti spiegando l’abbandono del Tavolo – sia a mezzo stampa, sia attraverso ripetuti incontri presso l’assessorato all’Agricoltura abbiamo posto in particolare evidenza la gravosa situazione dei pastori della Sardegna paventata da un possibile prezzo del latte di 0,60 euro al litro. Fino all’ultimo abbiamo cercato di mediare qualsiasi possibilità di modifica del prezzo proposto non solo per i pastori, ma per tutta la filiera. Attraverso incontri diretti, non ufficiali, abbiamo tentato ripetutamente sino ai giorni scorsi, di convincere la trasformazione industriale a dare una maggiore remunerazione al latte di pecora. Anche giovedì scorso ci siamo appellati pubblicamente attraverso i media ad una possibile chiusura della trattativa, evidenziando una situazione esplosiva nelle campagne. A più riprese nel tavolo abbiamo spiegato che non sarebbe stato più possibile rinviare la decisione sul prezzo offerto, avendo come contropartita un ulteriore rimando a 6 giorni. Le nostre proposte sono state riportate e votate nel documento redatto dall’assessorato all’Agricoltura. Per tutto questo per Coldiretti Sardegna non ci sono più le condizioni per sedersi ad un tavolo con chi fino all’ultimo è rimasto sordo e indifferente alle proposte avanzate per dare risposte al dramma dei pastori. Rimangono valide – conclude Coldiretti Sardegna – le condizioni proposte, ma  non siamo disponibili ad alcun ulteriore incontro in quanto non abbiamo nessun margine di variazione nella contrattazione da noi proposta».