La trilogia Shakespeariana al Ten

Il TEN – Teatro Eliseo Nuoro continua la sua stagione di spettacoli ospitando la “B-Tragedies Trilogia Shakespeariana Trash”, a cura della compagnia teatrale Meridiano Zero.
Trattasi delle 3 pièces “Adda passa’ a nuttata”, che andrà in scena venerdì 7 dicembre alle ore 21.00, di “Search and Destroy”, in scena sabato 8 dicembre dalle ore 18.30 e di “This is not what it is”, portata sul palco domenica 9 dicembre dalle ore 18.30.
Il primo spettacolo, “Adda passa’ a nuttata”, di e con Marco Sanna e Francesca Ventriglia, con luci e suoni di Massimo Casada, è il primo passo della Trilogia Shakespeariana Trash che ha portato la compagnia Meridiano Zero ad affrontare tre grandi tragedie del drammaturgo e poeta inglese, ovvero Macbeth, Amleto ed Otello.
Alla base della rivisitazione della prima tragedia, base di questo spettacolo, c’è una coppia come particella familiare infeconda ed infetta: due anziani coniugi, chiusi in un luogo di detenzione mai svelato, non contemplano l’esistenza di un mondo al di fuori delle proprie quattro mura ed, anzi, distruggono tutto ciò che osi interferire con la ricerca della propria concezione di pace e tranquillità.
Nonostante i segni delle atrocità commesse, delitti feroci che riemergono dalla loro memoria sotto forma di crudeli sprazzi, i due risultano al pubblico come amabili vecchietti che si tengono ancora per mano dopo aver commesso una strage.
Lo spettacolo, in bilico tra immaginario splatter e poesia, fa uso della stupidità, dello sproloquio e del dileggio come antidoti scenici contro la falsa cultura che diffonde infinità stupidità, pregiudizi, falso decoro e rispetto verso il dolore degli altri.
“Search and Destroy”, di e con Marco Sanna e luci di Massimo Casada, rappresenta una rivisitazione dell’Amleto visto come incarnazione distopica dell’attore e del teatro.
Alla fine dei giorni, il principe shakespeariano non rivivrà più perché stanco di essere interpretato, distorto, esaltato e smembrato.
Iniziando dalla fine, si immagina che Amleto non abbia più voglia di recitarsi e dimentichi il suo ruolo, fino ad essere costretto a ricostruire la propria storia senza però riuscirci, a causa delle chiacchiere della gente e dei personaggi storpiati.
In realtà, il principe vorrebbe semplicemente starsene a casa o scappare, dedicandosi ad attività diverse dal teatro, nonostante venga continuamente richiamato in scena, nei panni di uno spettro, dal regista.
Tuttavia, porterà interamente da solo sulle sue spalle la tragedia, in quanto gli altri personaggi rimarranno dietro le quinte, rifiutandosi di entrare in scena.
“This is not what it is”, di e con Marco Sanna e Francesca Ventriglia, rivisita Shakespeare partendo da un paradossale e provocatorio omaggio alla spazzatura quotidiana nella quale siamo immersi, ovvero alla confusione, all’infedeltà, alla stupidità ed alla miseria di alcuni gesti umani, al tradimento di ogni tradizione ed a quello subìto di qualsivoglia umana speranza.
Si tenta dunque di far reagire il drammaturgo inglese facendo uso scenico dei dialetti, dei karaoke, della stampa scandalistica, delle barzellette sconce e del turpiloquio, delle battute squallide, della tv, dei gratta e vinci, dei selfie, dei balli di gruppo e della volgare tristezza nello squallore.
Tutto ciò a cui, si auspica, non ci dovremmo mai abituare.
La “B-Tragedies Trilogia Shakespeariana Trash” verrà proposta al pubblico con la formula promozionale di 10 euro per 3 spettacoli, o 5 euro per ogni singola pièce.
Per informazioni e prenotazioni, sarà possibile rivolgersi all’Infopoint – Biglietteria del TEN sita in via Roma 73 a Nuoro, aperta dal mercoledì al venerdì dalle ore 17.00 alle ore 20.00 e, nei giorni di replica, a partire da due ore prima dello spettacolo.

© riproduzione riservata

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn