La sindaca di Dorgali: «Sono indagata»

Scopre di essere indagata per turbativa d’asta e, nel nome di «quella trasparenza che contraddistingue il MoVimento 5 Stelle», ha deciso di informare direttamente i cittadini. Protagonista della vicenda la sindaca di Dorgali Maria Itria Fancello che ieri, 14 dicembre, ha ricevuto un avviso di proroga delle indagini da parte della procura di Nuoro che finora ha condotto in gran segreto un’indagine sulla gestione dei siti archeologici affidati alla cooperativa Ghivine di cui il marito della sindaca era ex dipendente. Insieme a Fancello è indagato anche l’assessore all’Ambiente e Protezione Civile Fabrizio Corrias. La notizia è comparsa in serata nella pagina Facebook di Maria Itria Fancello dove la sindaca ostenta sicurezza e lascia intravedere buone possibilità che la vicenda sia destinata a sgonfiarsi: «Quel bando è stato pubblicato il giorno successivo all’insediamento del nuovo consiglio comunale – scrive la sindaca – per cui né io, né altri componenti della Giunta abbiamo avuto nulla a che fare con la gara, assegnata da un’apposita commissione». L’amministrazione capeggiata da Maria Itria Fancello, l’unica a guida grillina della provincia di Nuoro,  è stata eletta nel giugno del 2016. Finora la sindaca e l’assessore non avevano ricevuto nessun avviso di garanzia, ma la Procura di Nuoro ha dovuto notificare agli indagati la proroga delle indagini. «Vi terrò informati», promette ai dorgalesi Maria Itria Fancello, ribadendo la sua assoluta tranquillità: «Ho fiducia nella giustizia e mi sento confortata dal fatto di aver sempre agito per il bene dei cittadini».

© riproduzione riservata