La morte di don Salvatore Bussu

La famiglia del settimanale diocesano è in lutto per la morte di don Salvatore Bussu, storico direttore de L’Ortobene dal 1978 al 1995, era stato condirettore dal 1972. La notizia è stata data questa mattina dal sito della diocesi di Nuoro.
Nato a Ollolai il 24 gennaio del 1928 don Bussu è stato ordinato sacerdote il 5 luglio del 1953 da monsignor Giuseppe Melas. Diverse le tappe del suo ministero pastorale: è stato viceparroco di Oliena (1953-56) e parroco di Gorofai (1956-65) e di Oliena (1967-72). È stato anche Pro Rettore del Seminario (1965-67), Cancelliere della Curia (1972-1981), professore in vari istituti superiori, Direttore Spirituale in Seminario, Direttore de «L’Ortobene» (1978-95) e Cappellano del carcere di «Badu e’ Carros» (1981-84). Canonico della cattedrale dal 1972, Arciprete (1996-2001) e Penitenziere (2001).
Giornalista pubblicista è stato per quindici anni consigliere nazionale della Fisc, Federazione italiana settimanali cattolici. Ne 1994 ha ricevuto a Sassari il “Premio Sardegna” per la sezione stampa periodica sarda, ha collaborato a vari giornali tra i quali L’Unione Sarda, La Nuova Sardegna, Avvenire, Jesus, Vita Pastorale, Il Ponte, Il nostro tempo di Torino e altri settimanali sardi.
Tra le pubblicazioni ricordiamo Il Miracolo (2 edizioni 1984 e 1986), Un prete e i terroristi (2 edizioni 1988 e 1989), Inquieti per Cristo (1991), Il ventre della balena bianca (1993), La scuola nella Costituzione. A quando la parità scolastica? (1995), Ollolai cuore della Sardegna (2 edizioni 1996), Martiri senza altare (1997), Facciamo credito alla speranza (1998), Nuoro e il senato del Vescovo (2003).
Da tempo era ospite della casa di riposo “Maria Immacolata” di Buddusò. La salma è in questo momento nella camera mortuaria di Ozieri.
Domani mattina, 24 ottobre, la salma sarà accolta dal Capitolo della Cattedrale che reciterà l’Ufficio. Il funerale avrà inizio alle ore 11.
Nel pomeriggio alle ore 15 prevista una celebrazione a Ollolai.

© riproduzione riservata

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn